SANTIGOLD – ‘Spiritual’ cover albumÈ passato troppo tempo da quando abbiamo ricevuto un vero e proprio album da Santigold. Mentre il mixtape di “I Don’t Want” accolto calorosamente nel 2018 ha regalato ai fan alcune battute energiche per aiutarci, sono passati sei anni interi da quando “99¢” ha acceso gli stereo. In sua assenza, il mix di generi tra indie e rock con dub, reggae, dancehall e tutto il resto è quasi diventato la norma. In questa era di streaming di scelte e mixafaction, a volte è difficile ricordare quale impatto abbia avuto l’arrivo di artisti del calibro di Santigold e MIA. A quattordici anni dal suo debutto, la nostra si trova in una scena musicale (per fortuna) più inclusiva ed eccitante, piena di molti artisti che devono a lei e ai suoi coetanei un debito di gratitudine. Quindi cosa ha da dire questo disco riparatore del lockdown?

Possiamo felicemente riferire che lo stesso livello di energia e urgenza che Santi porta sempre al proprio lavoro rimane brillante. “Spirituals” è una bestia audace e talvolta minacciosa, piena zeppa di ritmi di prima classe e trame sonore. Sempre la regina dei collaboratori, questo quarto full-lenght vede Rostam e Nick Zimmer coinvolti nel divertimento, oltre a Doc McKinney, SBTRK e P2J, solo per citarne alcuni. Il risultato è un rilascio elegante e dal suono moderno che conserva ancora parte della grinta del passato. È un disco che la definisce perfettamente, dal suono perfetto come potresti desiderare per il 2022.

In aperture come “My Horror” Rostam porta quella vecchia energia stravagante di Vampire Weekend nel racconto claustrofobico della nostra sull’ansia da pandemia. È un classico contrasto di testi oscuri e ritmi rimbalzanti per creare qualcosa di ballabile, ma memorabile. “High Priestess” può unirsi comodamente a “Disparate Youth” e “LES Artistes” come una melodia BADASS certificata, tutta spavalderia e potenziamento spirituale stratificati su sintetizzatori elettronici e batteria aggressiva. Esplorare l’altra estremità dello spettro è il gioioso “Shake”. Con il titolo dell’LP che si riferisce all’uso della canzone per aiutare la comunità nera a superare difficoltà inimmaginabili, la traccia trasuda una gioia quasi maniacale, mentre contiene ancora un palpabile senso di resilienza.

Mentre “Spirituals” vanta molti sapori audaci nelle sue dieci tracce, sembra comunque leggero. Con appena trenta minuti di lunghezza, la raccolta è la più breve della carriera di Santigold, e mentre sarebbe una spinta a descrivere qualsiasi scrittura di brani come volatile, sembra che troppo grasso sia stato tagliato. La metà dei numeri del set non raggiunge nemmeno i tre minuti, spesso staccando la spina proprio mentre sei pronto per di più. Digerirlo in un unico ambiente è come fare ripetutamente uno spuntino con qualcosa di dolce, ma non sostanzioso. Piacevole, certo, ma non ti senti mai sazio. In questi giorni e in un’epoca di brevi intervalli di attenzione e runtime compatibili con TikTok, questi succinti snapshot potrebbero essere un buon senso per gli affari, ma sembrano leggermente sparpagliati se presentati nel loro insieme.

Tuttavia, volere di più di qualcosa non è certo la peggiore critica da muovere ad un disco. Con questa tanto attesa versione, Santi ha mostrato ancora una volta al mondo di essere una delle creatrici più uniche, fantasiose e divertenti del gioco. È bello riaverla indietro!!!