MARINA HERLOP – ‘Pripyat’ cover albumL’ultimo album di Marina Herlop prende il nome dalla città ucraina di Pripyat. Abbandonata dopo il disastro di Chernobyl del 1986, la città rimane perfettamente intatta, a parte la vegetazione che cresce dalle crepe del cemento e i branchi di cani selvatici che vagano per le sue strade. È una finestra inquietante su un passato dimenticato e un promemoria di come sarebbe il mondo se gli umani non lo abitassero più. ‘È magico che sia stato vuoto e ora la vegetazione stia emergendo’, spiega. ‘Ma è stata una totale coincidenza che abbia il nome di una città ucraina. Di solito scelgo le parole in base a come suonano e penso che la sonorità di questa parola sia molto bella’.

“Pripyat” è il terzo disco dell’artista catalana e il suo primo pubblicato per l’etichetta PAN. Combinando antiche tradizioni con proiezioni apocalittiche di un futuro post-umano, il rilascio di sette tracce – che rappresenta i suoi primi tentativi di comporre musica al computer – fonde lo stile vocale insolito di Herlop, influenzato dalla musica carnatica dell’India meridionale, con arrangiamenti compositivi nodosi e antichi -elettronica sonora. C’è un desiderio primitivo nelle melodie ‘call-and-response’ di Marina, che ricordano tradizioni dimenticate di cantare attorno al fuoco mentre i pattern di batteria fragorosi e le scintille microtonali evocano immagini di natura in rivolta.

‘Siamo come quella scena di Arancia Meccanica in cui il personaggio di Malcolm McDowell viene alimentato forzatamente con tutte queste immagini. Non so più fino a che punto significhino qualcosa per noi’, dice la spagnola. Al contrario, il suono – se spogliato di testi o narrazioni – precede l’umanità, e quindi esiste indipendentemente dalla costante raffica di pubblicità, programmi TV e avvisi sui social media che definiscono la vita moderna. ‘Sento che c’è qualcosa di più grande di noi’, concorda. ‘Gli esseri umani interpretano i suoni, ma la musica stessa è autosufficiente’.

Per la catalana, fare il disco è stato come una morte per l’ego. È riluttante a definirsi un’artista e si vede più come un condotto verso un potere superiore. ‘Fare musica ti fa capire quanto siamo insignificanti in termini di quadro generale’, spiega. ‘Ma poi metti il ​​tuo nome su qualcosa, un LP, e all’improvviso la gente ti vede come un artista, anche se, in fondo, ti senti un impostore’.

La raccolta non menziona esplicitamente l’Antropocene: Herlop abbandona quasi del tutto i testi, preferendo utilizzare tagli vocali a percussione. Ma c’è qualcosa nel suono, il mix di elementi corali stratificati e produzione cinetica, che sembra sia pre che postumano. ‘Anche se non sto parlando del cambiamento climatico in modo molto letterale o specifico, ci deve essere qualcosa nella sonorità che si riferisce al momento presente se vuoi che duri in futuro’, spiega. Attingendo ai suoni delle prime civiltà, Marina sta immaginando un mondo che, come Pripyat, è stato conquistato dalla natura!!!