THE ORCHIDS – ‘Dreaming Kind’ cover albumSono sempre un po’ scettico nei confronti dei comunicati stampa, specialmente quelli che ti dicono cosa proverai, ma in questa occasione quando dice: ‘A volte possono volerci diversi anni per rendersi conto di cosa ti sei perso. A volte possono volerci anche decenni. Se sai già tutto su The Orchids, beh, “Dreaming Kind” ti piacerà molto’, ho scoperto che questo è vero.

Pur non essendo un fan sfegatato c’era sempre qualcosa di accattivante nelle loro canzoni ed erano un po’ più raffinate di alcune delle altre band.

Originaria di Glasgow e orgogliosamente scozzese, la band condivide un lignaggio musicale con altri grandi gruppi della città, dagli Aztec Camera agli Orange Juice, dai Lloyd Cole & The Commotions ai Teenage Fanclub. Una cosa che tutte queste band e artisti hanno in comune è che sono specializzati nella scrittura di canzoni, che possono raccontare grandi storie attraverso piccoli frammenti, che possono rendere straordinario l’ordinario.

I primi lavori della formazione sono stati pubblicati dalla Sarah Records con sede a Bristol tra il 1988 e il 1994. Tutto questo è stato ristampato su LTM nel 2005 con tracce inedite raccolte con le epoche appropriate. Il gruppo si è riformato e ha pubblicato “Good To Be A Stranger” nel 2007. Sono seguiti due dischi, “The Lost Star” del 2010 e “Beatitude # 9” del 2014 prima di una compilation Cherry Red, “Who Needs Tomorrow …” una retrospettiva di 30 anni apparsa nel 2017.

“Dreaming Kind” vede i nostri riunirsi ancora una volta con il produttore di vecchia data, collaboratore e ‘sesto membro’ Ian Carmichael che ha aiutato i ragazzi a creare un gran bel lavoro perfettamente realizzato, accentuando sottilmente il dramma delle canzoni, con un livello di raffinatezza che non travolge mai la tenerezza della musica. La formazione degli Orchids in questi giorni include gli originali James Hackett (voce, chitarra acustica e melodica); John Scally (chitarra solista e tastiere) e Chris Quinn (batteria). Inoltre abbiamo Keith Sharp (chitarra ritmica) e Ronnie Borland (basso) che si unirono entrambi all’inizio degli anni ’90 e continuarono quando si riformarono all’inizio degli anni ’90.

Sono stato subito attratto dalla traccia di apertura e recente singolo “Didn’t We Love You” con il suo ritornello armonizzato e dolci melodie di chitarra; un lamento lirico, che esprime il desiderio di vivere in un posto migliore, un luogo incontaminato dai falsi che hanno preso il sopravvento. “Limitless #1 (Joy)” non sarebbe più opposto, con la sua positività. In tutto il rilascio c’è un suono rilassato e pieno di sentimento che è quasi di origine californiana. L’ottimo “This Boy Is A Mess”, il primo singolo estratto, è uno dei momenti salienti del lato uno. Mentre i testi confessano fragilità, la musica diventa sempre più forte con la voce che sale alle stelle, rendendola sia agrodolce che esilarante. “Somethings Missing” ha un funk che ti farà ballare in qualsiasi luogo ti trovi. È difficile non confrontarsi con Orange Juice, mentre “I Should Have Thought” ha un’atmosfera soul a tarda sera con armonie aggiunte dalla collega di lunga data Pauline Hynds Bari.

Una versione di “I Don’t Mean To Stare” è apparsa per la prima volta nella compilation di Skep Wax “Under The Bridge” all’inizio di quest’anno. Era una delle tracce più forti di quella raccolta, ma qui suona come se fosse stata rifinita e presente in UHD piuttosto che in definizione standard.

Durante l’ascolto di “Dreaming Kind” mi sono anche tuffato nel catalogo arretrato di The Orchid. C’è una parità tra le versioni precedenti e questo set, tuttavia c’è un po’ più di magia in questo. Non so se è perché la tecnologia di registrazione ha finalmente permesso loro di tradurre su nastro ciò che avevano in testa. Qualunque cosa sia, il disco ha una qualità senza tempo che soddisferà i fan di lunga data e attirerà anche nuovi seguaci!!!