JULIA JACKLIN – ‘Pre-pleasure’ cover albumA 31 anni, Julia Jacklin è riuscita a diventare una delle cantautrici più famose d’Australia con solo due album. Mescolando folk e indie rock con parti uguali di irriverenza e sincerità, la musica di Jacklin di solito scava dolorosamente le proprie ansie interiori. Nel suo terzo disco, “Pre-Pleasure”, questo approccio nevrotico alle sue relazioni viene esaminato, il tutto per chiedersi: cosa si traduce in tutta questa analisi e sforzo?

Forse la cosa più interessante del nuovo rilascio è la sua insistenza tematica di moderazione e cautela. In un’era in cui siamo attivamente incoraggiati a disimpegnarci con il disagio, Julia è determinata ad aggrapparsi a questi momenti. Su “Be Careful with Yourself”, puoi sentirla aleggiare tra i suoi desideri contrastanti: ‘Per favore, smetti di fumare, vuoi che la tua vita duri a lungo / Se non inizi a fumare, dovrò iniziare, accorcia la mia’. La sua voce setosa si abbina meravigliosamente alle chitarre croccanti, una tattica usata anche nel ritornello di “Love, Try Not To Let Go”.

In effetti, la prima metà dell’LP contiene una scrittura meravigliosamente lucida e ricca di sfumature che dimostra perché Julia Jacklin è diventata una cantautrice così amata. “Ignore Tenderness” contiene alcuni dei versi più incisivi nel catalogo della nostra, poiché documenta il suo complicato rapporto con il proprio corpo e la propria sessualità contro ritmi frammentati. ‘Proprio quando inizia il piacere, la mia educazione si insinua’, dice impassibile. Nel frattempo, “Lydia Wears a Cross” sperimenta con leggerezza alcune drum machine.

Sebbene gran parte del lirismo di Julia equilibri l’introspettiva con il sardonico, “Pre-Pleasure” soffre di una parte centrale fangosa. La voce è meravigliosa, ma la natura tranquilla e faticosa di canzoni come “Less of a Stranger”, “Moviegoer” e “Magic” significa che le tracce hanno poche possibilità di distinguersi. È un disservizio per i loro testi, in particolare l’ode toccante alle lotte madre-figlia di Jacklin su “Less of a Stranger”. Fortunatamente, il disco riprende con la conclusiva “End of a Friendship”, che utilizza gli arrangiamenti orchestrali di Owen Pallett per fornire un tocco cinematografico.

Lo stile dell’autrice rimane accattivante come sempre, ma “Pre-Pleasure” sembra essere all’altezza del suo titolo un po’ ‘troppo bene’. Mentre ci sono alcune gemme luminose per i fan interessati alla sua capacità di essere vulnerabile e confessionale, sembra che ci sia un sacco di accumulo e non molto climax!!!