https://www.youtube.com/watch?v=JPrDpTiU4Jw cover albumUscito lo scorso 3 settembre per Joyful Noise, anticipato da tre estratti (“Witness Protection”, “C-Thru” e “Clarity”, sinuosi e sinistri), “The Witness” è il quinto album del trio canadese art-rock Suuns, a seguire l’EP “Fiction” del 2020 e il precedente album “Felt” del 2018, pubblicato a suo tempo da Secretly Canadian.

Il disco è stato registrato tra dicembre 2019 e settembre 2020, con l’ingegnere del suono Jace Lasek, e mixato da John Congleton. ‘Direi che abbiamo sempre fatto, più o meno, ciò che volevamo, ma poi devi sempre scendere a compromessi’, afferma il cantante/cantautore/chitarrista Ben Shemie, il capobanda del trio indie-rock. ‘Questa volta, siamo arrivati ​​in un luogo in cui ci sentiamo sicuri’. Il nuovo disco della band, “The Witness”, contiene un songwriting ’più ambizioso, più lirico’ rispetto ai loro quattro lavori precedenti. ‘È un bel cambiamento. È molto più pretenzioso di quello che abbiamo fatto in passato. Quindi, in questo modo, è un po’ una partenza’, ha affermato Shemie. ‘Ogni volta che abbiamo fatto un LP, c’è sempre stato questo senso in cui iniziamo con questa idea e la spingiamo. Poi, man mano che il processo va avanti, e quando iniziamo a produrlo, specialmente una volta che sei in studio, comincia a cambiare, il che è sempre una buona cosa’.

Quando la band, composta anche da Joe Yarmush e Liam O’Neill, lasciò il tour nel 2019, il collaboratore di lunga data Max Henry se ne andò. I membri rimanenti hanno sentito il peso dell’esaurimento e un reset era imminente. “The Witness” funziona principalmente come una canzone, teoricamente parlando, otto componenti separati legati insieme da un’energia goffa e caotica e un groove viscido e incollato all’elettronica. È il tipo di tavolozza sonora che risuona, inequivocabilmente, in ogni osso del corpo umano.

“Witness Protection”, ad esempio, luccica di statica distorta, uno stordimento di toni lunatici e smorzati contro una batteria sparsa. Dal punto di vista dei testi, taglia in profondità lo stato attuale del mondo e come siamo tutti guardoni in un momento assolutamente unico e devastante nella storia umana. Ogni volta che le cose torneranno alla normalità, e probabilmente non accadrà presto con questa situazione in continuo divenire, sarà un mondo completamente nuovo.

Un album immediatamente coinvolgente, il costante dipanarsi dell’opener “Third Stream”, una produzione densa intrecciata con una distorsione avvolgente, crea in modo efficiente un’esperienza di ascolto in cui il pubblico perde completamente la cognizione del tempo e persino della traccia su cui si trova. I titoli delle canzoni come “TimeBender”, suggeriscono che questa percezione distorta del proprio ambiente è stata sempre intesa dalla band. Inoltre, l’atmosfera evocata da questo spostamento, unita all’atmosfera generale della strumentazione, può portare a visioni della formazione che suona “C-Thru” in una grotta buia o “Third Stream” sulla Luna.

I brani risultano meno criptici rispetto al passato, sono più morbidi ed avvolgenti a livello di mood, la parte ritmica non è più così preponderante. Si percepisce un non so che di jazzato che rende il tutto raffinatamente elegante. Tra le loro ancoranti influenze Krautrock, il gruppo introduce sensibilità jazz con riff di sax gloriosamente luminosi e sinuosi su “Clarity” e porta l’esterno in questo mondo, altrimenti chiuso, attraverso il canto degli uccelli su “Timebender”. In tutto, la tavolozza tonale trasuda raffinatezza. “Go To My Head” è una strumentazione stordita e disinvolta, assolutamente affascinante, da cui è difficile allontanarsi. L’ascolto in cuffia, in particolare, aumenta le molte complessità e trame che permeano il disco. In particolare, i carillon scintillanti e le chitarre sfavillanti che punteggiano “The Fix” sono tanto più gratificanti se consumati senza distrazioni esterne.

I Suuns suonano a proprio agio in questi arrangiamenti espansivi. Un disco eccellente e avvincente!!!