PARLIAMENT – ‘Mothership Connection’ cover albumLa gente parla continuamente del genio di Frank Zappa, di come ha creato un universo musicale tutto suo, di come fosse un maestro della satira, di quanto fosse prolifico. Queste affermazioni esatte possono essere facilmente fatte per George Clinton, un uomo che da solo ha creato musica per ascoltatori neri, che era intelligente, oltraggiosa e riccamente immaginata come qualsiasi altra cosa nell’opera di Zappa. La componente fantascientifica della mitologia di Clinton è stata determinante nel fornire un grande teatro al suo pubblico urbano principale e ha preso fiore nel lavoro di alcuni musicisti di musica elettronica e rap, in particolare DJ Spooky. Inoltre, tutto ciò che George faceva era ballabile, motivo per cui la sua musica era un successone crossover.

“Mothership Connection” del 1976 è uno dei migliori album che Clinton abbia pubblicato sotto lo stendardo dei Parliament nei cinque anni tra il 1975 e il 1980. Durante quel periodo il gruppo ha pubblicato nove incredibili dischi (nessun grande successo o live set, neanche) ed è andato in tournée senza sosta. Quando non era impegnato con il ‘Parlamento’, il nostro si dedicava a supervisionare la registrazione dell’altro suo combo, i Funkadelic, o i P-Funk All Stars, Bootsy Collins, i Brides of Funkenstein, Bernie Worrell o Zapp. Ciò che è incredibile è l’alta qualità di tutta questa musica. Dire, quindi, che “Mothership Connection” spicca tra i lavori di questo periodo è davvero un grande elogio.

La band si apre con la sinuosa, esilarante e molto funky “P. Funk (Wants to Get Funked Up)” in cui la formazione prende il controllo delle onde radio locali e ne usciamo tutti migliori. Incontriamo il Lollipop Man (alias Long Haired Sucker), che assomiglia all’alieno del brano “EXP” di “Axis: Bold As Love” di Hendrix. Quindi Bootsy Collins, straordinario giullare con le costolette di basso degli Gods, interviene per parlarci, tra le altre cose, degli occhiali da sole e della zoppia del funk plastico bianco di David. Tutto questo è scandito dal ritornello (‘Voglio la bomba / Voglio il P-Funk / Voglio impazzire’) e poi, all’improvviso, c’è Maceo Parker che suona un assolo di contralto sulle gustose punteggiature di pianoforte di Bernie Worrell e alcuni sinistri lavaggi di synth. È quasi un sovraccarico sensoriale sulla primissima traccia!

Siamo avviati direttamente nel pezzo successivo, “Mothership Connection (Star Child)”, che si svolge come un groove di James Brown a tempo medio con una sezione di fiati dal cielo e una melodia beat e chorus che evoca “Black Cow” di Steely Dan (Becker e Fagen sono noti per ‘prendere in prestito’ determinati riff o ritmi). Scrivendo nelle note di copertina del brano, Tom Vickers osserva che ‘i concerti Pfunk hanno assunto un fervore spirituale, specialmente quando il cantante-chitarrista Glenn Goins è entrato nel ritornello ‘Swing down sweet chariot’ durante “Mothership Connection”’. E ha ragione. È come una chiesa dove puoi ballare (concetto completamente estraneo ad alcuni gruppi etnici).

Poi arriva il mitragliamento di “Unfunky UFO” (‘Dammi il funk, punk’) e il groove più rilassato di “Supergroovalisticprosifunktication”. È incredibile sentire elementi di, praticamente, ogni genere musicale moderno qui dentro – jazz, funk, R&B, jive, rock, quello che si chiamerebbe disco, fusion – è tutto qui. Dave Marsh ha notato in una recensione di Rolling Stone: ‘Clinton ha portato [i Parliament] in un mondo infernale di rock & roll nero’. Il nostro è stato molto influente nel rock ‘n’ roll, ma questo è raramente menzionato (sebbene lui e i suoi musicisti siano stati indotti nella Rock and Roll Hall of Fame), come se la presenza di un ritmo dance negasse il power rock che a volte si sovrapponeva e la sua musica è raramente inclusa nelle playlist delle stazioni radio in formato anni ’70 e ’80. Ha accettato il matrimonio tra rock e funk da parte di band bianche come i Red Hot Chili Peppers per richiamare l’attenzione esplicita sul rock nel funk e sul funk nel rock.

Se c’è un taglio debole qui, è probabilmente “Handcuffs”, che, nonostante alcuni giochi di parole sessuali, non si alza mai del tutto. Non importa, perché l’uno-due punch delle tracce finali, “Tear the Roof off the Sucker (Give Up the Funk)” e “Night of the Thumpasorus Peoples” portano l’ascoltatore a nuove vette. Impossibile dimenticare la scena di “Slums of Beverly Hills” in cui Marissa Tomei e Natasha Lyonne ballano provocatoriamente con un vibratore mentre alla radio va in onda “Give up the Funk”. Quella scena è una metafora appropriata per la libertà che la musica di Clinton offriva a tutti gli ascoltatori, indipendentemente dalla razza o dalla classe. “Night of the Thumpasorus Peoples”, essenzialmente una jam, ha un groove e una linea di basso che potrebbero essere ripetuti per giorni senza diventare noiosi.

Se manca qualcosa in questa versione rimasterizzata dell’album classico, sono più pezzi bonus. Quello che è incluso (il montaggio radiofonico di “Mothership Connection”), dimostra chiaramente cosa si è perso troncando una traccia di Parliament: a 3’08”, il montaggio non ha mai la possibilità di sviluppare il fervore quasi mistico dell’originale. In ogni caso, “Mothership Connection” è la prova principale del genio di George Clinton!!!