MOUNTAIN GOATS – ‘Dark In Here’ cover albumLo stile dei The Mountain Goats è inimitabile, una band dal sound riconoscibile tra mille influenzata da indie-rock, punk e lo-fi degli anni ’80 e ’90 e che a sua volta ha aiutato a crescere la scena negli anni 2000. La formazione, ormai vicina al trentesimo anniversario, è guidata da John Darnielle, unico membro presente sin dagli esordi del gruppo, che negli anni ha visto entrare e uscire dalla formazione artisti del calibro di Owen Pallett, St. Vincent, Kaki King e John Vanderslice.

“Dark in Here” arriva a meno di un anno di distanza da “Getting Into Knives”, album che riportato in alto il loro nome. Il nuovo album è stato registrato presso i FAME Studio di Muscle Shoals, Alabama, durante la lunga session che ha portato i nostri a registrare sia “Getting Into Knives” che il precedente “Songs for Pierre Chuvin”.

Quando i Mountain Goats hanno pubblicato “Getting Into Knives”, il 23 ottobre 2020, una delle prime cose che ho fatto è stata cercare quando era stato registrato. La band aveva pubblicato “Songs for Pierre Chuvin” nell’aprile 2020, poche settimane dopo il blocco della pandemia negli Stati Uniti, come un modo per recuperare un po’ di soldi quando il loro tour primaverile era stato cancellato. Era uno sforzo della vecchia scuola con il protagonista John Darnielle che registrava principalmente canzoni brevi e semplici in uno stereo come nei suoi primi giorni. Ma “Getting Into Knives” era un disco al completo, con l’ensemble che registrava a Memphis nella prima settimana di marzo.

Ma eccoci qui, otto mesi dopo, e c’è un altro nuovo album dei Mountain Goats. “Dark in Here” è anche un altro lavoro completo della band. Si è scoperto che il gruppo aveva un altro set di canzoni completamente realizzato pronto per essere rilasciato e hanno fatto il viaggio di due ore e mezza da Memphis fino a Muscle Shoals per il secondo round di registrazione. Il produttore Matt Ross-Spang era a bordo per entrambi gli album, ma ogni disco ha un’atmosfera distinta e un cast separato di musicisti ospiti.

La nuova uscita dimostra di possedere un titolo appropriato. Mentre il lavoro precedente presentava più canzoni con i fiati, in stile soul di Memphis, gli unici strumenti a fiato che compaiono in questa raccolta sono per gentile concessione della band di Matt Douglas. L’album dello scorso ottobre conteneva anche alcune canzoni che potevano essere considerate non solo ottimistiche, ma anche sbarazzine. Lo stridulo “Corsican Mastiff Stride” e il vivace country-rock di “Picture of My Dress” erano esempi del lato più brillante di Darnielle. Mentre “Dark in Here” non è solo “The Slow Parts on Death Metal Album”, come attesta uno dei titoli distintivi delle sue canzoni, ‘sbarazzino’ e ‘gioiello’ non sono sicuramente aggettivi che descriverebbero nessuna di queste tracce.

L’album inizia con forse i suoi due brani più rock. “Parisian Enclave” è per lo più un ritornello orecchiabile sostenuto da un paio di semplici versi, cantato su un’insistente pennata di chitarra acustica mentre il batterista John Wurster mantiene una grancassa e un tamburello che suonano quasi senza sosta. John ripete ‘Sotto le strade della città con i miei fratelli nell’ombra infinita’ quattro volte negli 85 secondi del brano, facendo sembrare che avesse quell’unica frase e decidesse di costruire l’intero breve pezzo attorno ad essa. “The Destruction of the Kola Superdeep Borehole Tower” è un rock martellante in chiave minore con un ottimo lavoro di batteria di Wurster e il caratteristico caldo basso di Peter Hughes. Anche la leggenda della tastiera, Spooner Oldham, è qui, seduta per fornire svolazzi di organo su un Hammond B3. Douglas aggiunge suoni di chitarra elettrica mentre si tiene alla larga da Oldham. Da quel momento, “Dark in Here” si sposta attraverso una varietà di stili, alcuni più sommessi di altri. “Mobile” è una ballata country-rock carezzevole (nessun twang coinvolto) che fonde la storia di Giona e della balena con un personaggio che soffre di intensi sensi di colpa e pensieri suicidi sul balcone di un hotel sul mare a Mobile, Alabama. Un altro veterano locale, Will McFarlane, aggiunge una chitarra di buon gusto, incluso un assolo rilassato, mentre la fisarmonica di Douglas aggiunge al brano un sapore distintivo.

“Lizard Suit” è guidato dal suo pianoforte, ma il lavoro di batteria pesante di Wurster e la linea di basso accattivante e insistente di Hughes bloccano davvero l’atmosfera arrabbiata e frustrata della canzone. Dopo tre minuti, il pezzo si rompe in una jam caotica, mentre il piano di Darnielle, l’organo di Douglas e la batteria di Wurster diventano sempre più scardinati, lasciando Hughes a tenerlo insieme mantenendo la sua linea di basso. “The Slow Parts on Death Metal Albums”, una delle poche canzoni che qui superano i cinque minuti. È lenta e malinconica, con un semplice groove di basso e batteria accentuato da Douglas al piano elettrico e alcune armonie di accompagnamento precise delle coriste Cindy Richardson Walker e Marie Tomlinson Lewey. La traccia finisce essenzialmente intorno ai 3:45, ma John si mette al piano e il quartetto la suona per altri 100 secondi. L’album si chiude con due canzoni delicate. “Arguing with the Ghost of Peter Laughner About His Coney Island Baby Review” è un titolo abbozzato, ma è un triste e amorevole tributo al musicista David Berman, scomparso nel 2019. Il titolo, opportunamente esoterico, si riferisce a una recensione negativa e sconclusionata di Laughner su un album di Lou Reed degli anni ’70. “Let Me Bathe in Demonic Light” è lenta e leggermente funky con una fragile consegna vocale del leader. Ma il suo argomento, che coinvolge rituali, magia nera e fede nella profezia, non si allinea con l’atmosfera della musica. È un contrasto divertente, e in qualche modo appropriato che un disco dei Mountain Goats che viene definito ‘oscuro e fumoso’ nei materiali di stampa si chiuda con un piacevole assolo di flauto leggermente jazz.

Nonostante questo sia il terzo album dei Mountain Goats in poco più di un anno, il songwriting di Darnielle è forte come sempre e la band non mostra segni di stanchezza!!!