LIARS – ‘They Threw Us In A Trench And Stuck A Monument On Top’ cover albumInizio nuovo secolo.

Guidata da troppo clamore e troppo poco talento, la scena rock ‘n’ roll di New York – quella che era morta da un po’ – è recentemente riemersa appena a est di Manhattan, nel quartiere di Brooklyn. Articoli su riviste come Rolling Stone, Spin e persino il New York Times salutano Brooklyn, e in particolare il quartiere finto bohémien, noto come Williamsburg, come la base di una nuova ondata di musica funk-punk-garage-noise-dance che prende i suoi spunti dai classici di New York e del Regno Unito – Television, Wire, Gang of Four, per citarne alcuni. E anche se non farò nomi, sia noto che nonostante tutta l’esposizione positiva che queste band stanno ricevendo, la maggior parte di loro o ha già superato il proprio apice o non aveva nulla che potesse essere etichettato come, tale tanto per cominciare.

Almeno fuori dalla fossa comune delle acclamate band di Brooklyn c’è un atto praticabile: Liars. Il loro disco di debutto, “They Threw Us All in a Trench and Stuck a Monument on Top” è stato originariamente pubblicato nel 2001 su Gern Blandsten, ed è chiaro che molti di questi altri artisti sembrano mirare con gli occhi bendati. È tutto ciò che Brooklyn dovrebbe essere, racchiuso in nove melodie da sputare in faccia. E dalla sua prima pubblicazione Gern Blandsten, Mute Records, l’etichetta che ha ospitato Cabaret Voltaire, Buzzcocks, Can, ecc. — ha firmato la formazione e sta ripubblicando il loro inizio (ri)visionario.

Il disco è un’ode ai gruppi dance rock degli anni passati. Riff di chitarra sferraglianti, linee di basso che suonano groove e batteria al passo con i tempi delineano l’estetica punk vecchio stile, ma con il frontman Angus Andrew che emette gemiti sexy, strilli e testi confusi, il suono pubescente della giovinezza del punk rock è spazzato sotto il loro intricato tappeto della maturità. Aggiungi al mix le drum machine che producono l’ormai onnipresente – ma ancora sicuro – suono del clap che il revival elettronico mondiale ci ha mostrato come amare, e questo disco fa vergognare le pubblicazioni di molti dei falsi profeti di Brooklyn.

Prendi la loro canzone “Mr. your on fire Mr” (tutti gli errori grammaticali apparentemente intenzionali), per esempio. Un inno ‘Stop and Go Neo No Wave’, completo di applausi di drum machine e persino campanacci. Con il groove profondo e l’elaborazione vocale che fa strillare, sfrecciare e vorticare la voce di Andrew quando non sta cantando, “Mr. your” è il brano dance perfetto per il 2002.

“Loose nuts on the Veladrome”, d’altra parte, esce immediatamente dagli altoparlanti con una grossa linea di basso di una nota e schiaccia, stridendo accordi di chitarra che non mollano mai. I tamburi tambureggiano e sbattono un secondo, solo per tornare alla stabilità ritmica il successivo, e a volte quando l’intera traccia sembra sul punto di crollare a pezzi, si incolla insieme e ritorna ad un ritmo pulsante prima di perdere di vista il suo scopo.

Quindi sembra che New York sia tornata in gioco e che i ragazzi dei Liars siano i nostri giocatori all-star. Mescolando la grinta di The Stooges con il rimbalzo di Gang of Four, il gruppo e il loro esordio sono tutto ciò che dovrebbe essere elogiato sulla scena musicale di Brooklyn. Con testi assurdi – battute come ‘Non puoi insegnare nuovi trucchi ai blue jeans’ – musica oscura, ma ballabile, e uno spettacolo dal vivo che include tutti i pugni agitati, i piedi che calpestano e i movimenti del corpo che rendono il rock ‘n’ roll famigerato, “They Threw Us All in a Trench and Stuck a Monument on Top” è già stato riservato per un posto nella storia come record che potrebbe facilmente definire questa generazione di dance rock.

Oggi.

Mi sono divertito a descrivere questo lavoro come se lo stessi recensendo nel momento della pubblicazione. Posso assicurarvi che anche adesso fa la sua ‘porca’ figura!!!