EMILY SCOTT ROBINSON – ‘American Siren’ cover albumLe canzoni della terza fatica della cantautrice Emily Scott Robinson, il titolo appropriato “American Siren”, vi conforteranno, vi faranno piangere e vi faranno ballare. Prodotto da Jason Richmond (The Avett Brothers, The Steep Canyon Rangers), l’ultimo rilascio di Emily è stato pubblicato il 29 ottobre per Oh Boy Records di John Prine, la sua prima volta in collaborazione con l’etichetta della leggenda del folk. Un ascolto e saprete perché è stata invitata a pubblicare con questa importante label.

Come la sirena stessa, anche questo disco è un ibrido. La voce da soprano chiara e dolce di Robinson vi avvolgerà nel proprio caldo abbraccio, mentre la sua narrazione saprà come cullarvi in un viaggio attraverso le cose sentimentali dell’esistenza.

L’iniquità tra coloro che meritano l’attenzione delle grandi masse e coloro che godono dell’attenzione delle stesse è l’eterna lotta al centro della musica americana. E negli ultimi anni, potrebbe non esserci stata una migliore rappresentazione dell’ingiusto squilibrio in questa equazione della mancanza di attenzione prestata alla cantante e cantautrice Emily Scott Robinson in entrambe queste discipline. Tuttavia, le cose stanno iniziando a cambiare, con la nostra che viene presa dalla Oh Boy Records e l’immediato riconoscimento che porta dal mondo americano. La sua lunga, ma eventuale ascesa è raccontata nella nuova canzone “Cheap Seats”, che ha preceduto il lavoro.

Da un certo punto di vista, molte delle canzoni di “American Siren” rientrano nella tariffa standard americana dell’argomento tematico. C’è una canzone su un soldato che torna dall’Afghanistan in “Hometown Hero”, c’è una traccia che ricorda una storia d’amore estiva in “Lightning in a Bottle”, e c’è un brano sulla saggezza dell’età in “Things You Learn The Hard Way”. In numerose occasioni, Emily Scott affronta anche la disillusione nei confronti del sogno americano e il movimento verso l’agnosticismo, che è una sorta di cliché della musica ‘stelle e strisce’. Numerose composizioni affrontano specificamente questo tema, tra cui “If Trouble Comes A Lookin” sull’infedeltà e un prete, e successivamente “Let ‘Em Burn” e “Every Day in Faith”, che definiscono la profondità emotiva di questo lavoro. Ma la Robinson sta semplicemente componendo su lunghezze d’onda così elevate di intuizione articolare e consegna poetica, la sua musica è incapace di confrontarsi con i contemporanei o cadere nella banalità, costringendovi a tracciare correlazioni con decantate leggende del cantautorato del passato come pari. È senza dubbio una delle migliori sceneggiatrici musicali del nostro tempo, che trasforma quelli che potrebbero essere temi country stereotipati in momenti emotivamente emozionanti.

È un’esperienza di ascolto intricata e, a volte, un po’ insolita. La traccia “Cheap Seats” è una grande e corposa canzone country con steel guitar, violino e tutto il resto, ma è un’anomalia sonora, e decisamente così, in un disco in cui il violoncello spesso imposta la tavolozza musicale per una canzone, rendendo l’esperienza unica e avvincente per l’orecchio, per quanto sottostimati possano essere molti degli arrangiamenti. Spesso non c’è solo una tranquilla disperazione, ma una rabbia ribollente. “Let ‘Em Burn” potrebbe essere una ballata per pianoforte solo, ma ha tutto il grido emotivo di un pezzo di hard rock. Lo stesso vale per “Every Day in Faith “. Si potrebbe scambiare questo album per un’opera prevalentemente religiosa senza sbrogliarne i fili. Non solo turbamento emotivo, la nostra sa ammaliare anche con la voce, dal suo gorgheggio e il modo in cui cattura naturalmente l’emozione di una storia, al modo in cui si può effettivamente sentire un sorriso nella sua voce, sottolineato in modo più percettibile nel brano “Things You Learn The Hard Way “. E anche se gli arrangiamenti austeri possono confondervi un po’, “American Siren” è davvero un album country dal punto di vista tematico, e questo è enfatizzato dalla canzone finale, l’acustica e tradizionale “Old North State”.

Non giudicate dal primo ascolto, lasciate che sedimenti nelle vostre parti più ricettive, proprio come tutti i grandi cantautori, Emily Scott Robinson ha avvolto i sentimenti che vuole trasmettere e le lezioni che vuole insegnare in strati e sfumature. Ci vuole tempo per staccare gli strati di una cipolla e, spesso, molte lacrime!!!