CHRIS ECKMAN – ‘Where The Spirit Rests’ cover albumIl quinto album solista di Chris Eckman (The Walkabouts, Dirtmusic, Distance, Light & Sky) è un tuffo profondo nei capricci di tempi straordinari. Il luminoso songwriting di Eckman attraversa la perdita, il disorientamento, la redenzione e la ricerca di una casa. Registrato grezzo e diretto con un piccolo ensemble, il disco è incorniciato da ampie trame sonore: archi trattati, droni di synth analogici e chitarre ambient. “Where the Spirit Rests” è stato coprodotto con il compositore elettronico britannico Alastair McNeill (Roísín Murphy, Yila) e include un cast ispirato di collaboratori: Chuck Johnson, la violinista d’avanguardia Catherine Graindorge, il tastierista dei Dream Syndicate/Green on Red Chris Cacavas, la pedal steel di Seattle Jon Hyde (Karl Blau, Laura Viers) e la sezione ritmica di lunga data composta da Žiga Golob (contrabbasso) e Blaž Celarec (batteria).

Un tempo membro di una delle migliori esportazioni di Seattle, The Walkabouts, Chris risiede a Lubiana da molti anni, gestendo la sua etichetta di world music, Glitterbeat, e pubblicando album occasionali. La sua ultima offerta da solista nel 2014 è stata una sublime esplorazione impressionistica della contea di Harney in Oregon, liberamente basata sugli scritti di William Kettridge. “Where The Spirit Rests”, come molti album usciti quest’anno, è nato dalla pandemia quando Eckman, non avendo suonato musica per un po’, ha preso in mano la sua chitarra e ha iniziato ad armeggiare con essa. Alcune canzoni sono nate da questo, ma il nostro racconta: ‘All’inizio non erano molto buone, poi verso la primavera le cose hanno iniziato a crescere’. Le sette tracce qui sono il frutto di quei primi tentativi che alla fine sbocciano in canzoni a tutti gli effetti.

L’album si muove a un ritmo glaciale, le canzoni si dipanano lentamente con un umore cupo che prevale. Chris descrive quindi come ‘insulari… un po’ come quei monologhi di Samuel Beckett’ e c’è un aspetto introspettivo in molti di essi. Nel frattempo, la sua voce ha resistito bene con il suo tono stanco che ricorda Dylan, consentendo un’esperienza di ascolto più intima che ti attira nel suo mondo. Che sia da solo con la sua chitarra, o accompagnato da basso e batteria, insieme a contributi remoti su pedal steel, pianoforte, Wurlitzer, violino e violoncello, le tracce sono piuttosto ipnotiche. C’è un fascino da sirena nella scintillante pedal steel adornata di “This Curving Track” e nei suoni cosmici trippy di “Drinking In America”, che, nonostante i suoi testi scabrosi, è una canzone così onirica che potrebbe sostituire il protossido di azoto come un anestetico dentale. “Cabin Fever” brilla come un temporale all’orizzonte mentre Eckman si accovaccia in mezzo a raffiche ambientali di viola e considera l’idea di uscire dalla griglia, cantando che è ‘stanco di compilare rapporti, andare in campagna, trovami degli alberi’.

Il disco si presta alle ore piccole mentre le canzoni gocciolano in modo notturno. La traccia di apertura è piena di portenti mentre il nostro canta, ‘Questi tempi sono duri con l’amore/Duri con il sesso e la spavalderia’, mentre “Northern Lights” scandaglia le profondità emotive con una bellezza opalescente. La title track è un’epica di nove minuti che si apre con la voce di Chris che risiede da qualche parte tra Chip Taylor e Scott Walker. La viola di Catherine Graindorge e le tastiere di Chris Cacavas adornano il ritmo funebre della sezione ritmica consentendo una sensazione ambientale coinvolgente mentre l’autore trasforma gradualmente la canzone in un poema sinfonico alla Van Morrison periodo “Astral Weeks”.

Il disco chiude con un enigma. “CTFD” sembra la più personale delle canzoni. È la traccia più silenziosa qui, sgattaiolando nel territorio di Leonard Cohen mentre Eckman canta di una coppia che riflette su cattive notizie ma determinata a andare avanti contro ogni previsione. C’è un’intimità che è abbastanza sincera e il brano è un modo perfetto per chiudere il sipario per un album che è piuttosto alla ricerca dell’anima nel suo intimo calore ambientale!!!