WAVVES – ‘Hideaway’ cover albumNathan Williams non è estraneo all’introspezione; l’album “V” di Wavves del 2015 ha agito come la sua lisi post-rottura, ragionando con pessimismo mentre tentava di mantenere l’autostima. Non è estraneo all’attacco con la melodia come la maggior parte farebbe con gli insulti, avvolgendoli intorno a “You’re Welcome” come carta decorativa – né ha familiarità con l’aumento del suo suono, vedi la conduzione orchestrale di “Afraid of Heights”.

Ma cosa succede quando tutto questo accade in una volta? La risposta è “Hideaway”, un incontro di wrestling introspettivo con ansia che ha visto il TV on the Radio Dave Sitek reclutato come produttore, generando uno scricchiolio sciolto in mezzo al rock organico e a un sacco di melodia da parte di Williams.

Ha scelto di resettare e tornare alle sue radici. In primo luogo Williams si accampò in un piccolo capannone dietro la casa dei suoi genitori per improvvisare su idee che sarebbero poi diventate il suo nuovo album. La stessa posizione che ha generato alcuni dei precedenti lavori del nostro quando il progetto era agli inizi. In secondo luogo, dopo essere stato disilluso dall’essere coinvolto nel mondo delle major discografiche, Williams si ritrova alla Fat Possum, l’etichetta che ha messo fuori il seminale “King of the Beach” e due LP eponimi, e probabilmente il luogo migliore per un ritorno al ruolo di outsider che più gli si addice.

“Hideaway” è un breve e scattante lavoro di 30 minuti attraverso l’estremità più ruvida del pop punk e del garage rock, con urgenza e ganci contagiosi nel suo modus operandi. Nascosto tra gli ‘anthems’ crudi, troviamo Williams che tenta di fare il punto della sua vita e del mondo che lo circonda, mentre giunge alla conclusione che può essere il suo peggior nemico, pur riconoscendo che ci sono alcuni elementi tossici esterni che deve eliminare. Come tutta la grande musica pop, Wavves è riuscito a raggiungere un perfetto equilibrio giustapposto tra recupero sonoro ottimista e temi lirici che si appoggiano più vicino al dolore, alla frustrazione e all’ansia.

“Thru Hell”, un’apertura chiassosa ricoperta di fuzz e un’immediatezza infilata. Attraverso la batteria rollicking e il jangle lacerante, Williams canta ‘non posso parlare ora sto attraversando l’inferno / non riesco a vedere dritto / non mi sento così bene / protagonista di tutte queste persone orribili’, il che dà il tono per il resto della narrazione dell’album, mentre Nathan lotta con il suo stato mentale e le influenze indesiderate di terze parti. Subito dopo è la title track, che mantiene alti i livelli di energia e cosparge un po’ di ottimismo sulla malinconia. “Honeycomb” fa traboccare la raucedine che dà il via a “Hideaway” per qualcosa che brilla e increspa con un ondeggiamento acustico. Ancora una volta la natura spensierata della traccia è una cortina fumogena per l’ansia di Williams. Mentre “Hideaway” sostiene una presa sganciata sul rock ‘n’ roll lacerante, questo non impedisce al nostro di immergere le dita della propria mano in altre acque sonore. “The Blame” trema con un twang country. “Sinking Feeling” si contorce con un’atmosfera diabolica e trippy anni ’60 che invoca il funk cocente di bastoncini di incenso. La partenza più grande arriva attraverso il brano di chiusura di “Caviar”; una canzone che adotta un wooziness che confina con il jazzy space funk.

Questa è, forse, la pubblicazione di Wavves potenzialmente più avvincente dai tempi di “King of the Beach”!!!