WAND – ‘Spiders In The Rain’ cover albumWand, con sede a Los Angeles, si è fatto un nome con un vasto spettacolo dal vivo che dispiega una fusione di dissonanza, rock pesante e beato. Ora, per la prima volta, offrono quell’esperienza tramite un doppio album dal vivo intitolato “Spiders in the Rain”, che è stato catturato durante il loro tour in California nel gennaio 2020.

Promuovendo la recente uscita di “Laughing Matter”, la band di Cory Hanson, Robert Cody, Sofia Arreguin, Lee Landey ed Evan Burrows, ha deciso di dare il via a questo live set con due di quelle offerte. “Hare” inizia come uno strumentale spaziale, ponendo le basi per ciò che verrà con un crescente senso di tensione, che porta direttamente al rock di “Wonder”, ricco di feedback. Un solido abbinamento di apertura ma sfortunatamente la voce è sepolta mentre la band inzuppa “Wonder” con toni sfumati, leggere distorsioni e vibrazioni.

I livelli migliorano man mano che la costruzione lentamente vagante di “Plum” utilizza un pianoforte sferragliante e chitarre ‘squirrely’ per costruire un suono spigoloso e goffo. Mentre le prime tracce sono interessanti, le cose non sono poi così speciali, fino a quando la formazione non lancia la loro interpretazione dal vivo di “White Cat”.

Quello che è uno psych-rock di quattro minuti, uno sforzo ripetitivo su “Plum”, si espande in un viaggio sonoro di venti minuti che approfondisce gloriosi pascoli sonori. Biascicando e farfugliando per iniziare, la canzone sbatte con rombi rumorosi, ringhiando, sfuggendo, riverberando, crescendo e gonfiandosi in proporzioni minacciose fino a circa quindici minuti. Voci struggenti in stile Thom Yorke tornano per discutere di un vecchio gatto bianco che vive in California, concludendo l’incredibile avventura rock.

Le cose decollano da qui mentre le splendide linee di chitarra colorano la sfocata “Evening Star” prima che i nostri si allunghino ancora una volta per oltre undici minuti con pianoforte scintillante, groove fuori controllo, ritmo ipnotizzante in loop e un finale intrecciato su “Blue Cloud”.

Chitarre brillanti e un ritmo di batteria pronto per la danza supportano “The Gift”, che è avvolto in un climax carnoso di assolo di chitarra. Heavy punk e bassi striduli si fondono in una riuscita combinazione di noise-rock/dream-pop in “Self-Hypnosis”; questa combinazione di generi è dove Wand si distingue davvero come nuovi innovatori.

Il doppio album dal vivo si conclude con un ritorno al primo disco del gruppo poiché “Melted Rope” è un brano dal dolce gorgheggio, con un suono che richiama gli Smashing Pumpkins, per chiudere e pulire la tavolozza. Wand è più a proprio agio sul palco e “Spiders in the Rain” fa un buon lavoro nel fornire il mix unico del gruppo di noise/psych/jam/shoegaze/rock alternativo a coloro che non li hanno ancora sperimentati in concerto così come a coloro che vogliono farlo rivivere perché da tempo ne sentivano la mancanza!!!