TRUE WEST – ‘Kaleidoscope Of Shadows: The Story So Far’ cover albumCon estremo ritardo mi accingo, finalmente, a parlarvi di una piccola gemma del Paisley Underground, di un gruppo che non ha mai avuto i meritati riconoscimenti da parte della critica e del pubblico ‘underground’.  Nel 2022 i True West fondati a Davis, in California, dal cantante Gavin Blair e dai chitarristi Richard McGrath e Russ Tolman celebrano il quarantesimo anniversario del loro debutto discografico: e lo fanno nel migliore dei modi grazie a questo triplo CD antologico con libretto di 24 pagine e note del produttore Pat Thomas. La raccolta comprende i tre dischi di studio pubblicati tra il 1982 e il 1986 (il mini LP “Hollywood Holiday”, “Drifters”, “Hand Of Fate”) ma anche numerosissimi inediti e rarità con outtake dal terzo album, provini riscoperti solo di recente, la session prodotta da Tom Verlaine per EMI America e poi accantonata e 12 brani registrati dal vivo tra Stoccolma, Amburgo, New York e New Orleans con cover di Creedence, Iggy Pop, Elvis Presley e Screamin’ Jay Hawkins. I 61 brani forniscono un quadro completo su una band molto chitarristica e in bilico tra psichedelia e folk rock.

Anche tra gli appassionati di vinile, c’è il riconoscimento che l’era del CD ha portato con sé alcuni importanti vantaggi. Il principale tra questi era il movimento archivistico: compilation e ristampe di musica (spesso) perduta o dimenticata che meritava un ascolto più ampio rispetto al suo primo giro. Nel mercato musicale statunitense, quel movimento si è in gran parte esaurito negli ultimi anni; non si vedono più compilation come “Nuggets” della Rhino. E band famose e relativamente oscure – dai Beatles ai Love – hanno visto i loro archivi esplorati in modo molto approfondito, tirando fuori ogni sorta di materiale inedito. (Forse perché le leggi sulle licenze sono più favorevoli alla pratica, il mercato del Regno Unito rimane maturo per riedizioni e simili).

Tuttavia, sono contento quando ne appare uno nuovo sul mercato, perché per quanto gli ascoltatori più attenti ci provassero, semplicemente non riuscivano a tenere il passo con tutta la grande musica che veniva prodotta e pubblicata nei miei giorni più giovani. Quindi, mentre ero un grande fan di molte delle cosiddette band Paisley Underground – Long Ryders, Dream Syndicate, Bangles, Green on Red, ecc. ecc. – c’erano i True West che rimasero un segreto per molti.

In gran parte, dobbiamo ringraziare Pat Thomas (come anticipato sopra) per aver messo insieme (e aver curato l’uscita di) un nuovo e tentacolare set di 3 CD intitolato “Kaleidoscope of Shadows: The Story So Far”. Questo set raccoglie ambiziosamente la parte del leone della produzione registrata dei True West, aggiungendo una serie di rarità rilevanti.

Il primo dischetto contiene l’intero EP “Hollywood Holiday” del 1983, il loro debutto sulla lunga distanza, “Drifters” (1984) e diverse tracce correlate. Prodotti variamente dalla band con Steve Wynn, Paul Mandel o Tom Verlaine, questi mostrano il carattere e l’ampiezza stilistica dei nostri. Elementi di jangle-rock, psych e proto-cowpunk sono tratti distintivi della musica. E mentre la maggior parte delle registrazioni dei californiani sono canzoni originali (dalla penna del chitarrista Russ Tolman), anche le cover sono nel mix. Di particolare nota è una lettura di “Lucifer Sam” dei Pink Floyd dell’era Syd Barrett. Tuttavia, il migliore dei primi tagli è un originale, “And Then the Rain”. Ma molte altre canzoni competono per quell’onore. L’estetica della produzione sul materiale di “Drifters” è più lucida (e un po’ meno immediata) rispetto all’EP, ma l’approccio mostra che la formazione ha un ottimo effetto. Tre tracce delle sessioni guidate da Verlaine completano il primo disco; mostrano più dello spirito dell’EP d’esordio.

Il secondo LP, “Hand of Fate”, del 1986 non aveva mai ricevuto un trattamento in CD fino a questo set. Il secondo dischetto del box include tutto quel lavoro, aggiungendo singoli e b-side correlati più una mezza dozzina di demo dello stesso periodo. “Hand of Fate” continua con l’approccio di produzione raffinato, ma in realtà funziona anche meglio qui di prima. C’è una lucentezza pop in tagli come “Falling Away”, ma, la gustosa chitarra slide che fa da ancoraggio al brano, mette in mostra l’estetica country/psych/rock del gruppo.

“The Gunner” suona più che un po’ come i Rain Parade incrociati con i Beatles dell’era “Revolver”, ma ehi: è una brutta cosa? Non credo. Chiunque apprezzi il vigoroso lavoro chitarristico dei Dream Syndicate apprezzerà l’approccio simile (con un po’ più di twang) dei True West. “Trim the Fat” suona come una risposta americana a Hoodoo Gurus. E mentre la cover di “Happenings Ten Years Time Ago” degli Yardbirds non reinventa la canzone, è comunque un brivido. La qualità di queste tracce fa sorgere la domanda: perché questo LP non ha avuto più successo quando apparve sul mercato?

Il terzo dischetto di questa raccolta (prodotto e compilato da Thomas e dall’ultimo [e attuale] batterista dei True West, Jim Huie) presenta tutto il materiale inedito. Contiene 20 pezzi: demo del 1985, registrazioni dal vivo da New York, Stoccolma, Amburgo e altrove della metà degli anni ’80 e simili. Nonostante alcune drum machine ingannevoli nelle demo, la fedeltà di queste tracce è abbastanza buona. I tagli dal vivo hanno quella qualità sonora un po’ piatta che caratterizzava tali registrazioni dell’epoca, ma ciò non toglie nulla alla musica: la passione e l’energia della band brillano di una luce accecante. E come spesso accade, la scelta delle cover dice molto sulla loro mentalità: “Lust for Life” di Iggy, una lettura irregolare, ma corretta, di “Suspicious Minds” di Elvis, “Who’ll Stop the Rain” dei CCR e (da Screamin’ Jay Hawkins) “I Put a Spell On You” sono tutti espressi in modo netto, con molto spirito.

Il pacchetto in sé è sontuoso, con una grafica meravigliosa e un ottimo opuscolo contenente informazioni sui brani e saggi illuminanti. Se la tua esperienza rock di metà anni ’80 non includeva True West, questo set è il correttivo ideale per questa svista. E “Kaleidoscope of Shadows” è colmo di così numerose rarità che anche coloro che ancora tengono e apprezzano il vinile vorranno sicuramente raccoglierlo subito!!!