TIM FINN & PHIL MANZANERA – ‘The Ghost Of Santiago’ cover albumLa prospettiva che due veterani dell’art-rock realizzino un nuovo album insieme evoca immagini di professionisti stagionati che rivivono le glorie passate con versioni ‘reinventate’ di vecchi successi e cameo di celebrità di famosi compagni di band. Non c’è niente di sbagliato in questo, ovviamente, anche se molti probabilmente etichetterebbero lo spettacolo come pallido e stantio.

“The Ghost Of Santiago”, l’ultima offerta dell’ex membro dei Crowded House, Tim Finn, e del chitarrista dei Roxy Music, Phil Manzanera, è qualcosa di diverso.

Concepito in isolamento e registrato a distanza in due home studio a 12.000 miglia di distanza, è un’audace messa in comune di risorse che abbraccia una vasta gamma di stili e vive interamente nel momento.

Il neozelandese Finn, 70 anni, faceva parte della band del fratello minore Neil all’inizio degli anni ’90, rimanendo abbastanza a lungo per co-scrivere i successi “Weather With You” e “It’s Only Natural”. Manzanera, 71 anni, fa parte dei Roxy Music dal 1972 e si unirà a Bryan Ferry, Andy Mackay e Paul Thompson per la tournee del 50° anniversario della band iniziata a settembre. Anche Tim e Phil hanno il loro legame creativo di lunga data. Si sono incontrati per la prima volta a Sydney nel 1975, quando i Roxy erano al loro primo tour australiano, e da allora sono rimasti in contatto. Manzanera ha prodotto un disco per la prima band di Finn, gli Split Enz. Tim è stato ospite di un paio di LP di Phil. Hanno collaborato di nuovo la scorsa estate per un altro lavoro collaborativo, “Caught By The Heart”.

Le dieci tracce qui seguono da quello. Una combinazione di musica da camera e pop latino lussureggiante – e perfetto per le languide serate estive – è insolito, eclettico e non lontano dal tipo di cose che Damon Albarn cucinerebbe nei Gorillaz.

Le tracce di apertura sono le meno sorprendenti. “Space Cannibal” fonde la chitarra mutaforma di Manzanera con suoni elettronici. Coloro che si aspettano un ritorno ai riff penetranti che una volta snocciolava su canzoni dei Roxy Music come “Amazona” del 1973 dovrebbero coprirsi le orecchie. Il suo modo di suonare è elegante e discreto, ma non per questo meno avvincente.

“Our Love” è un abile mix della raffinatezza degli ultimi giorni dei Roxy (si pensi ad “Avalon” del 1982) e delle sontuose melodie di Finn, ma i sorprendenti colpi di scena latini iniziano ad arrivare da quel momento in poi. La title track è il modo in cui Tim esplora il Cile, un paese che non ha mai visitato di persona, attraverso voci fumose, chitarre strimpellate e fisarmonica. ‘I sogni prospereranno finché sopravvive l’amore umano’, sussurra.

Più autentiche sono le credenziali latine di Phil. Nato a Londra da padre inglese e madre colombiana, ha trascorso la propria infanzia nelle Americhe e ha preso la sua prima chitarra all’Avana. Aiutato dall’ex batterista degli Stereophonics, Javier Weyler (nato a Buenos Aires), suona a proprio agio sul pop ottonato e percussivo di “Llanto”. Ma i contributi più sorprendenti vengono dalla cantante di fado londinese Sonia Bernardo, che aggiunge tocchi jazz mentre duetta con Tim Finn in tre canzoni, prima che il disco ritorni al pop per un finale di tre brani che includono il bucolico “Falling Asleep”.

Caleidoscopico senza essere astruso,” The Ghost Of Santiago” lega molto bene insieme alcuni filoni contrastanti: dovrebbero prendere in considerazione l’idea di portarlo in tour!!!