THE THE – ‘The Comeback Special’  cover albumLa sera di venerdì primo ottobre 2018, i The The hanno tenuto il loro primo spettacolo in 16 anni alla Royal Albert Hall. Secondo quanto riferito, i biglietti sono andati esauriti in pochi minuti dalla messa in vendita. Si scopre che l’assenza aiuta il cuore a crescere più affettuoso. Il leggendario one-man-show diventato band post-punk non ha avuto un album vero e proprio dal 2000 e gli anni successivi hanno visto solo una manciata di colonne sonore e un nuovo singolo nel 2017, “We Can’t Stop What’s Coming”. Ma nel 2018, Matt Johnson ha appena deciso di rimettere in moto la macchina riportando il bassista James Eller, il tastierista DC Collard e il batterista Earl Harvin (il chitarrista Barrie Cadogan è l’unico membro che non faceva parte di una formazione precedente). Il risultante doppio album live, “The Comeback Special” raccoglie i momenti salienti del catalogo di The The, offrendoci 23 canzoni che coprono quasi due ore. Il sound della band al completo segue una linea sottile tra il dare interpretazioni fedeli ai brani che tutti conoscono e amano e offrire solo un po’ più di grinta nell’ambientazione dal vivo.

Con l’eccezione di “Hanky ​​Panky”, la cover di The The della cover di Hank Williams, ogni album è rappresentato in modo equo. “Burning Blue Soul” ottiene due canzoni, “Soul Mining”, “Infected”, “Mind Bomb” e “Naked Self” sono tutte rappresentate da tre canzoni a testa, mentre “Dusk” del 1993 vince con ben sette canzoni. I singoli indipendenti “We Can’t Stop What’s Coming” e “Flesh & Bones” fanno la loro apparizione e Johnson legge una poesia di John Tottenham per 41 secondi. Probabilmente si presume giustamente che tutti siano tornati a casa felici.

Lo spettacolo non inizia con il botto, ma con una canzone sinuosa e misteriosa da “Naked Self” intitolata “Global Eyes”, che è diventata una sorta di grido di battaglia per coloro che sono contro la maschera e i mandati del vaccino COVID-19: ‘Solo il paranoico conosce davvero il punteggio’. Da lì la band fa un salto di qualità con “Sweet Bird of Truth” da “Infected”, che è stato pubblicato prima di “The Comeback Special”. Johnson fa uso di diversi microfoni per voce sul palco, con quelli che gli danno il filtro acuto su cui fa spesso affidamento in studio. Brani successivi come “Heartland” e “The Beat(en) Generation” si attaccano alle loro controparti in studio, qualcosa che probabilmente non ha disturbato il pubblico mentre erano nel mezzo della loro euforia. È solo con l’arrivo degli adrenalinici “Armageddon Days (Are Here Again)” che alcuni muscoli vivi vengono flessi. Nel caso di “Bugle Boy” del disco del 1981, “Burning Blue Soul”, accade l’opposto quando la composizione lo-fi di Johnson si trasforma in un dolce affare sul palco.

Dopo il vivace numero soul di “I’ve Been Waiting For Tomorrow (All of My Life)” da Soul Mining del 1983, Johnson prende una strana piega eseguendo “True Happiness (This Way Lies)”, l’apertura di Dusk che fa parte del monologo e in parte il cantautore acustico si lamenta di annoiarsi con l’amore. Fa una breve pausa nella canzone per rassicurare il pubblico che il testo ‘Perché non ho mai trovato pace sul seno di una ragazza’ non è del tutto vero. “Uncertain Smile” si trasforma in una jam di quasi dieci minuti in cui Collard riesce a sbattere a sangue il pianoforte, preparando il terreno per il finale della serata, “Lonely Planet”. ‘Se non puoi cambiare il mondo, cambia te stesso’ implora, prima di modificare il consiglio in ‘e se non puoi cambiare te stesso… cambia il mondo’.

“The Comeback Special” è stato un evento, ed a volte è difficile catturare un accadimento con un solo supporto. Ecco perché oltre a pubblicare l’album dal vivo, The The venderà anche lo spettacolo in formato video e libro. Sappiamo tutti che non è un sostituto per la cosa reale, ma molti di noi hanno perso la cosa reale e potrebbero dover aspettare un po’ prima che possa accadere di nuovo. Per chi se li fosse persi, ecco il vostro dolce ritorno a casa completo di scaletta da sogno!!!