SZUN WAVES – ‘Earth Patterns’ cover albumSzun Waves, il trio formato dal mago del sintetizzatore analogico Luke Abbott, dal sassofonista del Portico Quartet Luke Wylie e dal batterista Laurence Pike, fondatore degli sperimentatori jazz australiani Triosk e attualmente dei Liars, hanno registrato questo, il loro terzo album, attraverso tre intensi giorni di improvvisazione alla fine del 2019, subito prima che tu sappia cosa ha ostacolato nel finirlo.

Quasi tre anni dopo, e con l’aiuto del capo dell’etichetta, James Holden, per portare il disco oltre il limite, “Earth Patterns” beneficia chiaramente della sua lenta gestazione: laddove i precedenti dischi degli Szun Waves sono sembrati istantanee di performance con un approccio quasi documentaristico, questo ha il tipo di forma e atmosfera definite e deliberate – legate alla terra e alle intemperie, struggenti, devote e ribelli – che tendono solo a derivare dal tempo necessario per ascoltare e scolpire.

Il risultato è tanto più convincente: la colonna sonora-paesaggi sonori-con-toni-free-jazz-marchio del gruppo rimane, ma ora quel personaggio trasuda proprio attraverso le sette tracce qui, durante le quali la musica si sente scossa dai suoi strumenti piuttosto che solo suonata, e di conseguenza permane un’oscura qualità esteriore: questa è musica per l’esterno e il crepuscolo, con tutta la stranezza percettiva associata che ne consegue.

Il sax di Wylie somiglia spesso a una voce di soprano, allo stesso tempo stridente e immobile, e le percussioni di Pike frusciano e luccicano come rami al vento. I timbri di un pianoforte verticale in “In the Moon House” offrono un senso concreto del luogo, e il fragoroso e minaccioso “Atomkerne” offre un climax piuttosto elettrizzante a un disco altrimenti pieno di luccichio, meticolosamente realizzato per il massimo impatto.

“Earth Patterns” è un ascolto straordinariamente calmo e dolce. Anche quando l’album diventa un po’ lunatico, una sensazione intrinseca di sonnolenza lussureggiante rimane predominante. Il disco si snoda in una seducente via di mezzo tra filoni di jazz, ambient, drone ed elettronica basata sui sintetizzatori. Tutto sommato, è un lavoro relativamente sottile che risucchia l’ascoltatore e non lo lascia andare.

C’è molta bellezza sbalorditiva da trovare in questo rilascio. I nostri, insieme, hanno un senso organico di chimica, riuscendo di volta in volta a inghiottire l’ascoltatore in un mondo sognante creato dalla musica. L’apertura “Exploding Upwards” pone le basi, con la sua melodia principale piuttosto ottimista, seppur riservata. “Garden”, nel frattempo, sembra leggermente inquietante mentre si muove in modo ponderoso. “Willow Leaf Pear” eccelle con un’esibizione di corno malinconica, ma rilassante, al centro della scena. Il tutto culmina con il meraviglioso pezzo conclusivo, “Atomkerne”, che si rivela sia molto distanziato che intenso qui sulla Terra (quest’ultimo forse per un motivo ricorrente che ricorda il canto degli uccelli). È simultaneamente tutt’uno con il cosmo e il parco proprio accanto al tuo quartiere.

“Earth Patterns” si avvicina allo status di ‘capolavoro atmosferico’. È pieno di musica colorata e rinfrescante che cattura l’essenza di splendidi spazi all’aperto in estate o in autunno (con questo senso forse incoraggiato dalla splendida copertina dell’LP). Il set è generalmente leggero e arioso, pieno di spazio per permettere alla mente dell’ascoltatore di vagare. Non aspettarti il ​​​​più vigoroso dei dischi, ma come compagno di fantasticherie e contemplazione, non c’è niente di meglio di questo!!!