SUN’S SIGNATURE – ‘Sun’s Signature’ cover albumÈ una rarità trovare nuova musica con la bellissima voce di Elizabeth Fraser. Quindi, quando è stata annunciata la sua collaborazione con il compagno di vita e musicale, il percussionista Damon Reece, sotto il nome di Sun’s Signature, ero tutto orecchie. Come cantante nei sublimi Cocteau Twins, oltre al suo memorabile contributo all’album “Mezzanine” dei Massive Attack, Elizabeth si è tenuta largamente lontana da una produzione registrata significativa. Anche se a mia insaputa, ci sono state alcune collaborazioni intermittenti nel corso degli anni. Ecco un’opera teatrale estesa, intitolata anche “Sun’s Signature”, per placare la mia fame di nuovi suoni di una dei cantanti più attraenti mai esistiti.

Per quanto riguarda Damon, la sua eredità musicale comprende la batteria con Massive Attack, Spiritualized, Echo and the Bunnymen e la collaborazione con Baxter Dury, Goldfrapp, The Flies e Nigel Kennedy. Ha chiaramente un talento per il suono poiché si è occupato di compiti di ingegneria per la maggior parte di questo EP. Reece ammette che per creare questo corpus di opere ‘abbiamo dovuto percorrere molte, molte strade diverse per trovare quello che stavamo cercando’. Una delle prime esibizioni della coppia, che ha aperto la strada alla creazione di Sun’s Signature, è stata al Meltdown Festival nel lontano 2012.

A completare la formazione di musicisti stellari per il progetto, troverai Steve Hackett (chitarra), Sean Cook (basso), Martin Shellard (chitarra) e Alex Lee (chitarra). I compiti di mixaggio sono stati completati dal pluripremiato produttore Bob Locke e Thighpaulsandra e, per buona misura, l’alleanza con i Massive Attack è promossa poiché Robert Del Naja fornisce l’artwork.

L’introduzione alla traccia di apertura, “Underwater”, è come una fusione distorta di Tim Burton e Walt Disney. Prendendo un po’ di tempo per riprendere il ritmo, una volta che la batteria e il basso pop si abbassano, Elizabeth torna indietro negli anni con facilità. “Golden Air” ti fa sentire come se stessi saltando attraverso una foresta incantata dove fate e creature mitiche svolgono le loro faccende magiche quotidiane. Non riesco a pensare a nessun altro in grado di fare questo tipo di musica e certamente Elizabeth Fraser è sola con i suoi toni seducenti e assolutamente unici. Quando la traccia prende il volo, ricorda i primi Cocteau Twins, mentre le chitarre turbinano e il basso rotola e scivola con una produzione incontaminata.

“Bluedusk” è piena di luccichii e strumentazione spettacolare per creare un paesaggio sonoro ultraterreno in cui la nostra luccica. La canzone è pura grazia e sono sicuro che ascoltarla dal vivo sarebbe semplicemente trascendente, anche se è improbabile che accada dato il desiderio dell’artista di mantenere un basso profilo. L’affascinante “Apples” è sontuosa e lussuosa con una miriade di voci dolci, scintillii tremolanti e sei corde delicate. Il pezzo di chiusura, “Make Lovely The Day”, combina solo la chitarra acustica con la voce pura della cantante, anche se gli stravaganti svolazzi che caratterizzano le altre tracce lasciano questo suono un po’ vuoto e nudo.

All’inizio sono stato attratto dalla presenza della Fraser, ma non immaginavo come avrebbe suonato questo progetto. L’oscillazione più forte qui è sicuramente maggiormente a favore dei Cocteau Twins degli ultimi giorni, in contrasto con il super potente drone rock di Spiritualized. “Sun’s Signature” è davvero unico e, per certi versi, diverso da qualsiasi altra cosa che abbia mai ascoltato. È difficile esprimere a parole la pura brillantezza di dove ti porta questa musica. Tanto tempo in preparazione per una gloriosa e magica raccolta di brani ricchi di dettagli ipnotizzanti e suoni incantevoli!!!