SLAGR – ‘Linde’ cover albumL’ultima volta che ho ascoltato la musica del trio norvegese Slagr fu in occasione dell’uscita di “Short Stories” nel 2015 per la Ozella Records.

Slagr è stata fondata nel 2003 dalla violinista hardanger Anne Hytta, che scrive la maggior parte della musica dell’ensemble. In “Short Stories”, la quinta pubblicazione del gruppo, è affiancata da Sigrun Eng al violoncello e Amund Sjølie Sveen al vibrafono e all’arpa di vetro. (Da quando quel disco è stato registrato, Sigrun Eng è stato sostituito al violoncello dalla norvegese Katrine Schiøtt.)

Ebbene, quella raccolta è stata premiata con lo Spellemannprisen come miglior rilascio nella categoria open. Da allora hanno registrato “Dirr” nel 2018, un lavoro che non ho ascoltato, e ora “Linde”, entrambi su Hubro. Questo nuovo album continua la musica del gruppo più o meno allo stesso modo, ma forse è ancora più profondo, più meditativo e contemplativo di prima.

Sembra che una delle ragioni principali di ciò sia che, dove la fondatrice Anne Hytta, la violinista, ha scritto gran parte della musica in precedenza, questa volta la violoncellista Katrine Schiøtt ha composto tutta la musica, mentre era in congedo di maternità. Quindi immagina il tipo di proposta che potrebbe essere concepita in quelle circostanze – privazione del sonno e intensa concentrazione nel nutrire e sostenere la vita di un altro essere che dipende interamente da te, per non parlare di alcune fluttuazioni ormonali piuttosto selvagge.

La traccia di apertura “Glimmerskyer (Glimmering Sky)” è un fantastico ingresso in questo mondo, in questo stato mentale ed emotivo. Sveen inizia con una lunga fuga iterativa sulle vibrazioni. All’inizio ha la sensazione di una ninna nanna, ma presto entrano alcune acute dissonanze, e il suo ritmo di sei movimenti va avanti all’infinito, aumentando lentamente di intensità mentre lo fa, dando la sensazione di emozioni contraddittorie, nutriente e tuttavia nervoso. Dopo quasi due minuti, il violoncello di Schiøtt arriva con lunghe note ad arco, calmanti, ma a volte un po’ inquietanti. La rabbia dura di Hytta si fa strada con alcune note spigolose e agitate, quindi suona brevemente all’unisono con il violoncello prima di riprendere un contrappunto intrecciato. L’intero pezzo è una meditazione perfetta su qualsiasi tipo di circostanza in cui puoi sentirti allo stesso tempo rilassato e un po’ apprensivo.

La traccia successiva “Tåke (Fog)” ha un approccio quasi opposto, aprendosi con un ripetuto arpeggio di due note al violoncello, a cui alla fine si aggiunge una languida melodia al violino con accenti di colore dell’arpa di vetro; alla fine questo ordine viene invertito, con il violoncello che prende l’iniziativa sulla melodia elegiaca e l’accompagnamento del violino con arpeggi svolazzanti.

Penso che il mio preferito sia “Søvnløs (Sleepless)”. Il duro tic-tac come un orologio sul comodino, le vibrazioni delicatamente toccate suonano terzine ascendenti e discendenti ancora e ancora come un battito cardiaco ansioso, e il violoncello geme lunghe note che si estendono attraverso le battute musicali. Tutto evoca perfettamente quello stato per metà di sogno e per metà di veglia in cui siamo allo stesso tempo esausti e vigili mentre la notte passa in punta di piedi. Ogni brano è più suggestivo di quello precedente. L’effervescenza di “Etterglød (Afterglow)” lascia il posto alla ninna nanna “Kime”, all’ipnotica “Legende”, alla breve e giocosa “Linde” per finire con l’altrettanto breve e dolce “Voggesang (Lullaby)”, con violoncello, violino e vibrazioni che si fondono nella semplice melodia all’unisono.

Con forti legami con motivi folk, strutture come la musica da camera europea e una tavolozza sonora colorata che evoca il freddo nord e le regioni equatoriali che ci danno la musica gamelan e marimba, la musica di Slagr è un antidoto senza tempo alla nostra fissazione per la gratificazione immediata e dispersa attenzione. Come dicono le note di copertina, ‘Slagr è arcaico, ma allo stesso tempo radicale’. Altamente raccomandato!!!