SAULT – ‘Air’ cover albumSe ami l’album dell’incoronazione di Little Simz, “Sometimes I Might Be Introvert” o “30” di Adele dell’anno scorso, saprai che una delle loro qualità distintive è l’orchestrazione che, in ogni caso, è diventata un personaggio a sé stante. Entrambi i dischi presentavano un regale incontro di voce corale e strumentazione classica, imbottita da un’eco fredda come se fosse stata registrata nella dimora signorile del video di “Woman” di Simz. Il nodo di collegamento tra quegli album è il neo lodato produttore Inflo, e la sua band, Sault, ha una nuova uscita a sorpresa. “Air” dà a quelle illustri sinfonie l’intero palcoscenico.

Questo potrebbe essere uno shock se non sei a conoscenza delle connessioni di questo misterioso gruppo, poiché i loro ultimi cinque dischi sono stati tutti saldamente affari soul-funk. Ma nel loro sesto album, creano una raccolta, quasi muta, di colonne sonore con una scala sufficiente per eguagliare – o addirittura sovrastare – il loro dittico di dischi “Untitled” del 2020. Queste composizioni meritano immagini in stile “Fantasia”.

“Air” può essere un rilscio errante che non cede facilmente ai suoi grandi crescendo. Il gruppo spesso trova, estrae e colpisce momenti che si guadagnano quel confronto con la colonna sonora Disney. Il primo è “Heart”, un vero tema da eroe che cresce botanicamente da una chitarra coraggiosa e stonata a un matrimonio trionfante degli elementi più dinamici dell’LP. “Time Is Precious” inizia come un edificio di fiati, archi e coro trascinato da una flotta di fiati, il tutto prima di accontentarsi della prima e unica voce con testi, cantata come un inno sotto la luce di una candela silenziosa.

Altre parti ripristinano un pizzico dei soliti accenti soul di Sault, evidenziando l’influenza dell’avventuroso “Journey Through the Secret Life of Plants” di Stevie Wonder. La title track mostra un ritmo delicato mentre meravigliosi fiati si staccano e gli archi si muovono come un ornamento rococò, ma deriva da una terraferma di tastiere e voci calde e avvolgenti che avrebbero potuto adattarsi perfettamente all’eclettico synth-soul di Wonder.

Appare di nuovo negli ultimi minuti di “Solar”, fondando un omaggio di John Williams di 12 minuti con una transizione senza soluzione di continuità. Sarebbe stato bello vedere questo esperimento allungato ulteriormente nella pista piuttosto che tenerlo nascosto fino alla fine. Poi di nuovo, potrebbe essere uno sguardo passeggero a ciò che accadrà in futuro!!!