SAM PREKOP & JOHN McENTIRE – ‘Sons Of’ cover albumQuando guardi un buon film, sei completamente immerso nel suo mondo, nei suoi personaggi e segui la storia svolgersi; potresti non notare le angolazioni della telecamera, i milioni di modifiche, l’illuminazione, il sound design, il color grading o uno qualsiasi degli altri innumerevoli aspetti tecnici. Allo stesso modo, a prima vista potresti non pensare molto a “Sons Of”, l’ultima collaborazione tra Sam Prekop e John McEntire. Forse potrebbe colpirti come il tipo di lastra sopra la media di techno raffinata ed educata che sentiresti in un cocktail lounge o in una boutique di sneakers di lusso. È solo quando ti avvicini e presti maggiore attenzione che noti la squisita fattura di questa odissea di musica elettronica tentacolare, meditativa e fantasiosa.

Sam Prekop è l’artista e polistrumentista più conosciuto come la pietra angolare di The Sea and Cake. John McEntire è un polistrumentista, noto soprattutto per il suo ruolo fondamentale nei Tortoise e uno degli ingegneri e produttori di musica underground più richiesti. Nonostante McEntire e Prekop abbiano suonato insieme in The Sea and Cake dal 1994, questa è la prima volta che la coppia lavora insieme come duo.

Dato il background della coppia nella scena jazz e poliritmica post-rock di Chicago, la prima cosa che spicca di “Sons Of” è la sua schiettezza; quasi l’intera durata, di quasi 50 minuti, è costruita attorno ad un traliccio di 4/4 di ritmi techno e house. Negli ultimi anni, Sam ha lavorato a lungo con il synth rig modulare che costituisce la spina dorsale del disco. Queste registrazioni vengono quindi stratificate con una serie davvero vorticosa di trigger di batteria, campioni e post-produzione. Nonostante la natura stratificata e strutturata delle registrazioni, è praticamente impossibile trovare le cuciture. Invece, “Sons Of” opera come un mondo sonoro in evoluzione in quattro parti.

Considerata la loro lunghezza monumentale e la natura senza soluzione di continuità, sembra poco pratico separare le singole tracce. Invece, “Sons Of” sembra più una storia che si dispiega in tempo reale, con ciascuna delle quattro lunghe composizioni che fungono da capitolo. L’apertura dell’album e l’offerta più breve, “A Ghost at Noon”, inizia senza peso e fluttua con melodie simili a quelle di un fax prima che una robusta e stabile grancassa entri in pochi minuti. Sembra di galleggiare in una cabina di un jet di linea indaco a 44.000 piedi. Temi di trasporto, slancio, movimento e transizione continuano per tutto il tempo, come scivolare attraverso un paesaggio al neon sopra un cuscino di nuvole.

C’è il solido ritmo house beat di “Crossing at the Shallow”, così come la sua linea di basso stranamente scavata e i charleston filiformi. Tutto “A Yellow Robe” sembra degno di nota, con una durata di quasi 25 minuti, con i propri strati mutevoli di lead pachinko e pad amorfi, quasi New Age, che promuovono il senso di avventura, esplorazione e divertimento.

Con opere minimaliste e sfumate come questa, molto dipende dai dettagli, poiché il minimo passo falso interromperà l’immersione e ti tirerà fuori dalle tue fantasticherie. È qui che il disco brilla davvero, poiché ogni singolo pezzo è lucidato e posizionato alla perfezione. Sentirai una dozzina di tipi diversi di grancassa, un centinaio di micro-melodie differenti. Ascolterai profondo spazio dubby e cavernosi riverberi alieni. Percepirai sempre di più ogni volta che ascolti e ad ogni visita cadrai più completamente sotto il suo incantesimo.

È incredibile che sia Sam Prekop che John McEntire abbiano creato suoni così nuovi e inediti nell’intersezione tra musica elettronica, musica strumentale e rock per quasi 30 anni. È anche oltremodo eccitante che la sempre eccellente Thrill Jockey Records si stia dedicando al rilascio di elettronica diretta insieme al loro tradizionale stile, nonché marchio di fabbrica, post-rock. Speriamo che tutti e tre continuino a produrre musica interessante ed esplorativa per i decenni a venire!!!