PEACH PIT – ‘From 2 to 3’ cover album“From 2 to 3” dei Peach Pit potrebbe essersi rivelato in quelle ore buie a tarda notte, ma sembra il primo colpo di sole sul viso al mattino presto. Nel loro terzo album, sfondano il crepuscolo ed emergono in un nuovo giorno, più luminosi che mai.

Il seguito di “You and Your Friends” del 2020, mentre suonano le prime note scintillanti di “Up Granville”, c’è la clamorosa sensazione che questo disco sia molto più avanti. I Peach Pit hanno trovato la loro formula vincente e l’hanno perfezionata. Dall’acustica miracolosamente ottimista di “Vickie” allo scintillante surf-rock di “Pepsi On The House”, è pronto per quelle pigre giornate estive: giustamente sincronizzato con i primi cieli azzurri dell’anno, offre una fetta di speranza per i prossimi mesi.

Dal punto di vista dei testi, camminano su una linea sottile tra le interpretazioni incendiarie sull’esperienza schiacciante dell’amore e il romanticismo senza speranza. È pieno di caratteristici sentimenti struggenti e sdolcinati, eppure è profondamente sardonico. Anche quando sono più cinici, tuttavia, offrono un sorriso ridente e passano rapidamente al pensiero successivo. ”Look Out!” li vede assumere un tono più morbido: voce gentile, una forte dose di fingerpicking e l’uso dell’armonica aiuta a limare quei bordi più amari.

Rimanendo fedeli al loro paese d’origine, il Canada, e alle loro radici folk, i Peach Pit guidano gli ascoltatori attraverso i campi di ex amanti, amici e le cose semplici della vita: sballarsi e scoppiare di freddo, probabilmente un Pabst. ‘Svegliati e guarda che i soldi cambiano tutto e tutto il resto’, canticchia il cantante Neil Smith con la sua vera natura da ragazzo triste in “Pepsi On The House” mentre flirta con la fama. È di gran lunga la traccia più energica del lavoro, una pista veloce di malinconie, testi civettuoli e melodie eufemistiche.

Il quartetto esplora i sentimenti folk jazz in “Look Out”, probabilmente la performance vocale più succinta di Smith. Scoprendo alcuni strumenti alternativi – lap-steel, armonica e un pianoforte Rhodes – i quattro maturano leggermente, mentre passano dalla vita della festa alla nostalgia del corpo di casa.

“Everything About You” prende una svolta eterea per gli attaccabrighe indie-pop. ‘Ho la droga qui in mano / sto solo aspettando che tu torni a casa’, Neil culla gli ascoltatori mentre si appoggia con una mano pesante alle sue cupe vibrazioni da sballo. “Give Up Baby Go” si fa strada attraverso un dolce shuffle country, dimostrando ancora una volta che i bravi vecchi ragazzi di Vancouver hanno una solida conoscenza del loro interesse nell’indie-folk pop.

Lisci, scontrosi e disinvoltamente cupi: i ragazzi consegnano al mondo un altro sforzo indie-pop di grado A. Prodotto da Robbie Lackritz, che ha lavorato con artisti del calibro di Feist e Jack Johnson, fornendo indubbiamente una certa natura organica alla raccolta. Rilassati, senti il ​​vento tra i capelli e fai un respiro profondo: “From 2 to 3” è freddo quanto lo è per i rocker indie-pop di Vancouver, Peach Pit. Sembra una foschia estiva a tarda notte, che vaga dentro e fuori dagli appartamenti degli amici indulgendo in una vita apparentemente bella.

C’è una paziente lentezza nella proposta; in parte perché si appoggiano a quelle facili influenze folk per trasformare il loro indie-pop in qualcosa di più inimitabilmente Peach Pit. “From 2 To 3” si dipana a suo tempo, crogiolandosi nel calore costante di più con ogni traccia. Ti sposta da quell’alba fresca e sfumata di rosso alle tonalità gloriosamente vibranti del mezzogiorno e ti offre l’opportunità di assaporare ogni raggio battente. Questo è Peach Pit al loro meglio!!!