PATTY GRIFFIN – ‘Tape: Home Recordings & Rarities’ cover albumSolo un’artista forte come Patty Griffin trascurerebbe queste dieci grandi performance alla ricerca di materiale ‘migliore’. Il senno di poi ha spesso i suoi vantaggi e il tempo che intercorre tra di loro può portare una nuova prospettiva, come ha fatto qui. Eppure Griffin è diversa da molti altri artisti. Non offre spiegazioni per l’ispirazione delle proprie canzoni. Raramente parla di temi o fili che attraversano il suo lavoro. Eppure, come molti artisti, ha sfruttato al meglio il periodo della pandemia, ricercando materiale più vecchio e, nel frattempo, facendo nuove scoperte.

Alcune delle tracce che ha trovato sono state inizialmente registrate da sola a casa, cantando su un registratore nelle prime ore del mattino. Alcune provenivano da una sessione demo in studio a Nashville, incluso un duetto con Robert Plant nel periodo in cui si sono incontrati per la prima volta. È tutta incentrata sulle esibizioni. Dovrai accettare la qualità del suono relativamente debole. Questi pezzi su “TAPE” sono rarità con diverse gemme che si possono solo immaginare arricchite con la strumentazione. D’altra parte, questa è un’intuizione che raramente si ottiene ascoltando un artista da solo che crea le proprie composizioni. Un numero limitato di copie è stato davvero disponibile su cassetta a partire da venerdì 17 giugno.

Patty inizia con il singolo cautamente speranzoso “Lucky” al suono di accordi blues strimpellati duramente e serie di versi, tra cui questo: ‘Alcuni giorni ascolti la musica e la canzone/Alcuni giorni vieni maltrattato come se forse ti fossi sbagliato/ Di tutto, di tutto… forse saremo fortunati lungo la strada’. “One Day We Could” è più pensieroso, ambientato ad Atlantic City, dove si strugge per le sottili speranze che il suo amante povero possa diventare ricco. L’agile e provocatoria “Strip of Light” fa il check-in in meno di due minuti mentre esprime esasperazione per una relazione che sta per interrompersi. In tutti e tre questi brani, non si può confondere la sua voce caratteristica con il suo fraseggio emotivo e il lamento su alcuni ritornelli.

Lo shuffle “Don’t Mind” è una brillante canzone d’amore (‘le tue braccia stanno facendo una poltrona’) con Robert Plant, un accompagnamento più completo che include batteria, organo, basso e chitarra di Marco Giovino, John Deaderick, Frank Swart e Doug Lancio rispettivamente. Questa band insieme a Russ Pahl su pedal steel suona anche in “Little Yellow House”, mentre dipinge un’immagine della casa solitaria ‘con una croce sulla porta’ in campagna, dove il residente si è appena alzato ed è scomparso senza prendere alcun oggetto.

Si accompagna nella splendida ballata per pianoforte “Sundown”, ricordando il suono del suo grande album “Silver Bell”, la sua voce che sale e scende così potentemente e con grazia in sincronia con il pianoforte, mentre canta di nuovo della rottura. È al piano per “Night”, la melodia più ricca di testi in termini di metafore poiché interpreta il ruolo di compagna, cane da guardia o pseudonimo ingannevole. Questo verso si distingue: ‘La notte sta guardando dalla torre / Accende il recinto elettrico / La notte può farti scomparire / Senza traccia di prove’.  “Kiss of Man” è una storia intrigante, dal punto di vista di una bambina che viveva con i suoi genitori protettivi in ​​una stanza dietro il loro bar chiassoso. “Octaves”, completamente strumentale, simile a un rintocco, è una scelta curiosa poiché suona il piano al suono di Craig Ross e si adatta bene a questa sequenza malinconica così come la conclusiva, tenera ninna nanna, “Forever Shall Be”. Gli ‘ooh’ nella sua voce sono così rilassanti e lenitivi, mentre ci lascia in uno stato di sublime pace.

Tutta la bellezza e l’intensità che ti aspetti da Patty Griffin sono ben confezionate in queste dieci selezioni!!!