PANDA BEAR & SONIC BOOM – ‘Reset’ cover albumI grandi amici Panda Bear (Noah Lennox) e Sonic Boom (Peter Kember) hanno già lavorato l’uno sulla musica dell’altro e hanno prodotto lavori eccezionali individualmente, Lennox nei panni di Panda Bear e Animal Collective, e Kember, in particolare, nel suo eccezionale album solista del 2020, “All Things Being Equal”.

I due sono diventati amici tramite Myspace, dopo che Noah ha ringraziato l’ex band di Peter, gli dei del drone-rock Spaceman 3, nelle note di copertina del suo album solista “Person Pitch”, dopo che sono stati scambiati messaggi di reciproco apprezzamento, è nata un’amicizia duratura, personalmente e musicalmente, con Sonic Boom  che ha continuato a produrre l’album solista di Panda Bear, “Tomboy”, nel 2011 e ha ulteriormente approfondito la loro collaborazione musicale con il proprio lavoro in “Panda Bear meets the Grim Reaper” del 2015. Sonic si è persino trasferito in Portogallo nel 2018 per essere più vicino a Panda, e su “Reset” questa dedizione e sincronicità porta frutti generosi.

Sebbene il disco sia intriso del riverbero squillante e degli echi ossessionanti, ma ottimistici, del rock’n’roll classico, del romanticismo struggente del primo doo-wop e delle armonie che ricordano i Beach Boys, puoi quasi assaporare il surf californiano sulla punta della tua lingua, è ancora abbastanza moderno e innovativo da ritagliarsi il proprio suono fresco da un tale illustre classicismo.

Il rilascio inizia con “Getting to the Point”. La chitarra stridente ricorda “Three Steps to Heaven” di Eddie Cochran e che porta ai primi Hollies/Everly Brothers di alto livello che si armonizzano sul ritornello. È un inizio edificante e fiducioso, che crede in una leggera disperazione, una tensione, un bisogno di trovare speranza nei momenti di difficoltà, un bisogno che si nasconde liricamente in bella vista dietro un caldo muro di melodia.

“Go On” segue e presenta un campione di “Give it to Me” dei Troggs, e inizia con una macchia di elettronica discordante, il riverberante campione di intro di chitarra che risuona ripetutamente come le pinne tremanti di un flipper, prima di condurre allo staccato leggermente canticchiato strofe, battiti di mani e basso pulsante, e lo splendido richiamo Everly Brothers/Beach Boys nelle armonie del ritornello. Di nuovo dal punto di vista dei testi, la canzone ha un morso selvaggio in agguato sotto la dolce melodia, un trucco usato dagli Stone Roses per ottenere un effetto così meraviglioso nel loro primo LP. ‘Seduto per tutta la vita in una banca, per tutta la vita affilando l’ascia, il pane di un tizio è la tassa di un altro…’.

La psichedelia confusa e vorticosa di “Everyday” presenta armonie più adorabili in stile Beach Boys, contro una voce impassibile che una tastiera che salta spinge lungo un percorso decisamente confuso e pigro.

L’euforico “Edge of the Edge” presenta una splendida introduzione armoniosa in loop campionata dalla hit doo-wop “Denise” di Randy and the Rainbows del 1963, un tono telefonico dial-up, che senza dubbio confonderà completamente un’intera generazione di ascoltatori e un delizioso ritornello discendente della tastiera e altre fasce di sottili armonie di luce che ricoprono la traccia come la fodera di una calda coperta.

Infuso dai grandi del passato, ma mai sopraffatto da loro, “Reset” è una gloriosa fusione di nuovo e vecchio, ed è un lavoro che può illuminare l’ora più buia e riscaldare il cuore più freddo!!!