ORVILLE PECK – ‘Bronco’ cover albumL’album di debutto di Orville Peck, “Pony”, ha offerto una strada accattivante in un genere che non era necessariamente così attraente nel 2019: l’outlaw country. Tre anni dopo, il genere ha trovato una nuova base in gran parte grazie all’eccitazione non annunciata che circonda il seguito del cantante mascherato al suo debutto magnifico, sobriamente oscuro, ma liberatorio. Sfortunatamente, un paio di bandiere rosse hanno minacciato questa eccitazione. Dall’uscita del suo esordio come star, sono emerse riserve, tutte legate a un grande problema: l’artista canadese ha i suoi stivali da cowboy bloccati nel fango del mainstream.

Dopo aver firmato con la major Columbia due anni fa, Orville è stato visto dilettarsi nei circoli di Diplo, Noah Cyrus e altri all’interno della folla dei Grammy. Lentamente, ma inesorabilmente, la maschera con le frange iniziò a perdere il proprio fascino un tempo enigmatico. Ha iniziato a sembrare qualcosa di ingegnoso dietro l’abito; la sua riluttanza a mostrare la faccia all’inizio ora sembra rivelatrice. Alcuni hanno persino suggerito che l’intero atto di Orville Peck fosse un semplice scherzo per cominciare. Hanno sempre avuto ragione?

Con un EP piuttosto banale pubblicato nel mezzo, la maschera del passato è stata programmata nella macchina di dimensioni industriali, pronta per sfornare copie, versioni false prive del fascino stagionato dell’originale. L’ex disperato con una minacciosa spavalderia ora rischia di abbracciare le trappole disinvolte di una popstar senza profondità con il suo secondo rilascio. Come seguito di “Pony”, il titolo “Bronco” sembra implicare una maturazione naturale, ma le cose non sono sempre come appaiono. Invece, il re del rodeo è stato spogliato del disegno crudo e sincero di un bruto stagionato, anche se sensibile, che ha trasmesso così facilmente solo pochi anni fa.

Sebbene innegabilmente contagioso, per lo più da calpestio, e giusto per coloro che sono semplicemente incuriositi da ciò che gli estranei della musica country potrebbero offrire, i tre ‘capitoli’ “Bronco” ostentano una lucentezza che richiederà tempo per rimanere indietro. Ma non avvicinarti troppo; non troverai molto tranne il posteriore di un cavallo. Seriamente, le storie e i sentimenti espressi sono troppo lievi, prevedibili e melodrammatici per avere molto effetto.

Lo stesso problema affligge anche i momenti più sfacciatamente turbolenti dell’album. Il contagioso jangle di “Lafayette” farà oscillare i cowpoke e strascicare i loro piedi. Ma mentre Peck ringhia, impettito con fiducioso spettacolo, ‘Ricordo che qualcuno ha detto che non sono rimasti cowboy / Beh, non mi hanno incontrato’, sembra strano considerando i cliché palesi e caricaturali dei cowboy, buoni e cattivi, da cui trae spunto per tutto la sua musica e poi veste la sua immagine. “Any Turn” è girato con una banalità simile, poiché il nostro si lamenta della sua posizione di osservare il mondo della musica country popolare dall’esterno guardando dentro. Ma è davvero ancora un outsider? Quando arrivi a un punto in cui Shania Twain è presente nel tuo lavoro e la tua musica entra nella top 50 di Country Billboard, è sicuro dire che fai parte del club ora.

“Bronco” avrebbe dovuto essere Orville Peck al meglio di sé. “Pony” ha promesso molto di più di quello che abbiamo di fronte: un ritratto esagerato e poco lusinghiero di un artista avvolto nel genere e nei cliché estetici. C’è così tanto talento e storia nascosti dietro la maschera, ma questo album non è Orville Peck nella sua forma più vera!!!