ONEIDA – ‘Success’ cover albumIl ciclo della rock band sperimentale di Brooklyn è giunto alla sua logica conclusione. Dopo venticinque anni di costante espansione della loro immaginazione sonora, passando dal noise-rock all’esplorazione di territori come il krautrock (sulle orme di outfit come The Cosmic Jokers), drone monolitico, free jazz o heavy dub – sia come Oneida, sia mentre realizzavano cover dub dei Joy Division sotto il nome di Jäh Division – ora hanno registrato il loro album rock, più diretto di sempre. Dopo che i sintetizzatori kosmische hanno suonato nella loro precedente storia d’amore di quattro anni fa, “Success” è un libro di canzoni rock – e uno che non manca di ritornelli simili ad inni.

‘Siamo stati nei boschi per molto tempo, facendo cose molto impegnative, incasinate e psicotiche e condividendole con il mondo e aspettandoci che le persone tengano il passo’, spiega John Colpitts nel comunicato stampa. ‘Onestamente non abbiamo provato a fare qualcosa di più diretto, ma è andata così’. Si potrebbe dire che Oneida ora è rinato. È senza dubbio vero per il membro fondatore e batterista Colpitts (alias Kid Millions), che è stato coinvolto in un grave incidente d’auto nel 2018.

Il successo ricorda l’energia dei primi giorni dei nostri, in particolare del terzo disco del gruppo, “Come On Everybody Let’s Rock” del 2000, che prefigurava la scena emergente del revival garage di New York. La band si allontanò quindi da quello che stava succedendo in città per intraprendere la propria strada. Le tendenze avanguardistiche furono cementate dal trittico “Thank Your Parents”, una coppia di album che doveva suonare troppo sperimentale e astratto per la loro etichetta indie-rock di tendenza Jagjaguwar. Le loro strade sono andate in direzioni separate un record dopo.

In questo senso, il nome del nuovo lavoro, “Success”, sembra una parodia di sé per una band che va in tour principalmente quando i membri possono prendersi una pausa dal lavoro quotidiano. Prendi l’opener “Beat Me to the Punch”, che inizia come un indie rock a due accordi esultante e radiofonico – che ricorda le virtù di band come Mudhoney o Obits – ma viene presto soffocato dal rumore distorto della chitarra dopo un minuto e mezzo. È come se Oneida ci dicesse: ‘Potremmo se volessimo’. Nel taglio successivo, “Opportunities”, una confusa melodia garage punk, cantano: ‘Semplicemente non so cosa fare con tutte queste opportunità, così tante scelte da fare’.

Anche se i fan potrebbero trovare “I Wanna Hold Your Electric Hand”, nel bel mezzo del rilascio, troppo kitsch, rimangono altre canzoni su cui nutrirsi. Le chitarre sono in anticipo, ma i newyorchesi rimangono fedeli alla loro religione motoria. L’LP è ancora basato sul ritmo ‘Liebezeitiano’, che potrebbe rubare la scena (come in “Paralyzed”) durante una febbrile jam krautrock di dieci minuti. In “Solid”, il quintetto si trasforma in avventurosi psiconauti e l’astronave Oneida decolla. Qui – come in tutto il set – il gruppo dimostra ancora una volta che possono cambiare rotta ogni volta che lo desiderino, e il viaggio rimarrà emozionante!!!