NATIVE HARROW – ‘Old Kind Of Magic’ cover albumNative Harrow è principalmente Stephen Harms e Devin Tuel, emigrati insieme dalla Pennsylvania nel Regno Unito nel 2021. Hanno prodotto il loro quinto album, “Some Old Kind of Magic” a Brighton, dove sono sbarcati, e nelle zone rurali del Sussex, dove si sono stabiliti. Questa è una raccolta incantata di canzoni che riprende i suoni e la sensibilità degli anni ’60 in un modo deliziosamente originale.

I grandi temi di quell’era controculturale (e di ogni tempo) – amore, libertà, identità – sono presentati in testi poetici cantati da Tuel. La sua voce è avvincente come tutte le voci dell’epoca, incluse Mitchell, Collins e Ronstadt. Devin canta e suona insieme al polistrumentista Harms e al collaboratore di lunga data, Alex Hall, alle percussioni, insieme ad altri amici. Chiaramente, questo disco è uno sforzo collettivo.

La prima traccia, “Song for Joan”, conduce con il suono delle onde e dei gabbiani e canta di casa e identità. ‘Oh casa è nella mia mente non allineata rispetto a dove vado, oh condivido con te una parte di me non lo saprò mai, non lo saprò mai, non lo saprò mai’, canta Tuel. ‘Riempì la nostra casa di tesori, tappeti e vecchie lampade di ottone, riportando in tempo la magia che sussurra’.

Questa è seguita da “Same Old Magic”, una composizione che ha una precisa atmosfera Joni Mitchell, con i suoi testi intelligenti sulla solitudine e la rassegnazione quando un partner si rende conto che la magia è sparita e l’altro non vede il ruolo che hanno giocato alla partenza.

“Heart of Love” è un riconoscimento lirico dei cambiamenti operati dall’amore e celebra sia l’universale che lo specifico: ‘Abbastanza buono, il modo in cui ero deciso a vivere, tutto ciò che è cambiato ora mi sveglio dalla foschia’. “I Remember”, un brano lussureggiante della magia dell’amore, continua il tema.

“Used To Be Free” ricorda un classico jazz degli anni ’60 con testi che corrispondono al suono. Tuttavia, è una versione originale della libertà ed è un vero gioiello, esaltato da Alex Hall al pianoforte.  “Magic Eye” è un incantatore psichedelico con una strumentazione interessante che si sarebbe adattata a quella ‘estate dell’amore’ di tanto tempo fa.

L’ apertura, con un organo classico e batteria, “As It Goes”, è un pezzo di immigrati del 21° secolo esaltata dalla violinista Georgina Leach. Leach si sente di nuovo, quando gli archi forniscono a “Long Long Road” un suono che ricorda la colonna sonora di un vecchio film, il tutto mentre la linea di basso lo mantiene cupo. Elencare le tracce più importanti di questo LP non significa che tutti siano vincitori. “I Was Told” è una raccolta di grandi battute che non stanno insieme e, a volte, sembrano incomprensibili.

Il rilascio si chiude con “Find a Reason”, che ha un accenno di country e più di un po’ di gospel che si adatta alle domande metafisiche che pone: ‘Penso alla mia prossima vita, chi sarò, sei mio? Ho ancora molto da vivere da fare; Dio comprende la mia verità?’.

Questo è un disco bellissimo da assaporare, lentamente, un brano alla volta!!!