MISSISSIPPI HEAT – ‘Madeleine’ cover albumNegli ultimi 30 anni i Mississippi Heat hanno offerto quello che chiamano ‘blues tradizionale con un suono unico’ fuori Chicago e celebrano il loro anniversario con questo album costellato di star, dimostrando ancora una volta perché sono in prima linea nella musica della ‘Windy City’.

Un trampolino di lancio per i talenti blues dal 1991, la band si è riunita una notte dopo che l’armonicista Pierre Lacocque e il chitarrista Jon McDonald – un appuntamento fisso di lunga data in Magic Slim & the Teardrops – si sono esibiti al Café Lura, un piccolo salotto nel Northwest Side della città. Subito dopo, reclutarono il bassista Bob Stroger e il batterista Robert Covington – che lavoravano regolarmente con la leggenda del pianoforte Sunnyland Slim – per unirsi a loro. Il roster è cambiato più volte da allora, ma la dozzina di album precedenti che hanno pubblicato sono stati un campanello d’allarme del suono di Chicago.

L’alfiere di Heat, sin dalla sua fondazione, è stato Lacocque. Figlio di genitori belgi – suo padre è un pastore protestante e studioso dell’Antico Testamento, Pierre è nato in Israele e ha vissuto in tre paesi in Europa prima che la famiglia si trasferisse a Chicago nel 1969 quando aveva 16 anni. Influenzato da Little Walter, è stato agganciato all’armonica da poco dopo il suo arrivo, dopo aver visto Big Walter Horton esibirsi all’Università di Chicago. Nel corso degli anni, Pierre ha collaborato con la crema degli artisti blues della città, inclusi i chitarristi Lurrie Bell, Billy Flynn, James Wheeler e Carl Weathersby, la cantante Dietra Farr, il tastierista Barrelhouse Chuck, l’ex bassista dei Muddy Waters Calvin “Fuzz” Jones e il batterista Kenny “Beedy Eyes” Smith e altri. Bell, Weathersby e Smith fanno tutti apparizioni come ospiti in questo rilascio.

L’attuale formazione comprende la potente Inetta Visor e Daneshia Hamilton alla voce insieme ai chitarristi Michael Dotson e Giles Corey e al tastierista Chris “Hambone” Cameron. Il bassista Brian Quinn e il batterista Terrence Williams tengono il fondo con Mark Franklin alla tromba e Kirk Smothers al sax. Si sono uniti Nanette Frank, Diane Madison e Mae Kohn – alias Nadima – ai cori insieme a Johnny Iguana e Ruben Alvarez che sono ospiti alle tastiere e percussioni. Prodotto da Lacocque e dal vincitore del Grammy Michael Freeman, questo set è stato catturato ai VSOP Studios di Chicago nel novembre 2019 e masterizzato a Nashville da Paul Blakemore, un altro vincitore del Grammy. Pierre ha scritto nove dei brani in questo set tutto originale con Visor che contribuisce con uno e Dotson con altri due.

“Silent Too Long” apre l’azione e presenta Corey con Weathersby al microfono, Lacocque brilla in un assolo di metà melodia così come Cameron nell’outro. Pierre strappa e corre prima che Daneshia prenda il posto di “Batty Crazy”, uno shuffle di medio ritmo su un amante che è tornato alle sue vecchie abitudini e va in prigione se non cambia i suoi modi. La band offre “Havana En Mi Alma” dal tocco latino, con Inetta che si occupa della voce e Carl alla chitarra prima che Lurrie e Kenny si uniscano all’azione per il simpatico “Uninvited Guest”, un numero profondamente personale che descrive l’aspetto felice all’esterno, ma essere perseguitato da un blues inimmaginabile dall’interno. Il tormento personale continua nella sfolgorante “Nothin’ I Can Do”, che vede Daneshia incapace di esprimere il suo affetto per l’uomo che ama perché sa che ha un’altra donna altrove.

Lacocque rende omaggio a Emma Magdalena Van der Linden con la strumentale senza fretta “Madeleine”, e l’azione si riscalda di nuovo con “At the Lucky Star” prima che il blues lento, “Truth Like Rain”, affronti un amante che piange per uno sgarbo non detto. L’album chiude con “Trouble”, la consapevolezza che la cantante è l’unica persona che sarà in grado di tirarsi fuori dalla pila di conti che si sono accumulati.

“Madeleine” dovrebbe portare a Mississippi Heat importanti riconoscimenti sia di critica che di vendita se tutto funzionasse a dovere. È una straordinaria collezione di blues contemporaneo!!!