MILES OKAZAKI – ‘Thisness’ cover albumUn chitarrista di talento come Miles Okazaki richiede la piena attenzione di un ascoltatore. Questo è il caso se si analizzano le sue composizioni diabolicamente complesse, o si mantiene la sua tecnica sorprendente, o semplicemente si assorbono tutti i metri mutevoli e le scanalature che permeano la sua musica. Dal lavoro straordinariamente ambizioso (“Volumi 1-6”), il suo documento solista autoprodotto nel 2018 delle opere complete di Thelonious Monk, ai suoi recenti album con il proprio quartetto Trickster, come “Trickster” (Pi Recordings, 2017) o “The Sky Below” (Pi Recordings, 2019), non c’è mai la sensazione che Okazaki dia qualcosa per scontato; la sua musicalità mostra sempre consumata premura e dedizione all’artigianato. È certamente ‘lavoro’ per Miles, e talvolta può sembrare così anche per l’ascoltatore, anche se una delle cose che rende “Thisness” così avvincente è che la musica che offre è così coinvolgente e accessibile, si può apprezzarla senza dover per forza sondare l’esoterica dietro la sua costruzione.

Alcuni dei contributi più importanti come sideman sono stati ai vari progetti di Steve Coleman, più recentemente al superbo “Live at the Village Vanguard, Vol. 1” (Pi Recordings, 2018). La musica di Coleman può anche essere concettualmente difficile, ma i groove trionfanti al proprio interno superano sempre i suoi aspetti più impegnativi, ed è chiaro che Okazaki ha seguito un percorso simile qui, aiutato in larga misura dall’impareggiabile unità ritmica di Steve, il bassista Anthony Tidd e il batterista Sean Rickman. Il tastierista Matt Mitchell è un’altra componente cruciale, con la sua combinazione di raffinatezza concettuale e brillantezza tecnica, e la volontà di seguire i contorni fluidi delle composizioni del chitarrista, ovunque possano condurre.

Una delle qualità immediatamente evidenti del disco è che la musica ‘respira’. A differenza delle precedenti versioni di Trickster, che avevano pezzi più brevi e concentrati e una pletora di idee discrete, qui abbiamo solo quattro tracce, di circa dieci minuti ciascuna, e la loro evoluzione sembra fondamentalmente organica. La bellezza della musica qui contenuta si trova proprio nei punti di indeterminazione, i luoghi in cui si svolge il passaggio successivo.

I titoli dei brani sono presi dalla poesia di Sun Ra, “The Far Off Place”, ognuno da una linea diversa, e sono meglio visti come parti di un tutto che come creazioni distinte. L’ampia apertura di “In Some Far Off Place”, con la chitarra acustica del nostro che fluttua sopra il ritmo cadenzato della band, diventa presto qualcosa di più duro, con Tidd e Rickman che generano il primo dei tanti groove dell’album, e con Okazaki che porta nella sua chitarra elettrica sovraincisa accanto a quella acustica per aumentare il contrasto tematico. “Years in Space” diventa funky fin dall’inizio.

La complessità della musica non svanisce mai, e, se ci si vuole soffermare ad analizzarla, ci sono sicuramente opportunità per farlo. Considerare gli intricati passaggi di “I’ll Build a World” potrebbe tenere occupata una persona, oltre a cercare di capire come Mitchell e Miles possano rimanere in perfetta sincronia mentre li suonano. Lo stesso chitarrista, a volte, potrebbe essere un po’ troppo intelligente nell’impiegare i suoi ‘robot’, suoni generati dal computer che aggiungono consistenza – e forse inutili distrazioni – in vari momenti in ciascuna delle tracce. Ma alla fine, con questa band sarà sempre possibile smettere di pensare e semplicemente godersi la musica!!!