MICHAEL RAULT – ‘Michael Rault’ cover albumAd un certo punto, non molto tempo fa, il cantante/cantautore/polistrumentista/autore pop Michael Rault avrebbe potuto essere considerato il segreto meglio custodito del Canada. Ma da quando si è trasferito in California, lo è diventato dell’America. Si spera che, dopo il rilascio di questo lotto meravigliosamente realizzato di 10 gemme alternativamente scintillanti e vivaci, non sarà più così.

Dopo il successo artistico, se non commerciale, del sontuoso “It’s a New Day Tonight” (2018), Rault si sposta ancora di più in una modalità idiosincratica, quasi da solista. Laddove una volta incanalava rock melodico in stile Badfinger, ora si tuffa direttamente nel territorio dei primi Paul McCartney, Todd Rundgren, Harry Nilsson, Stevie Wonder ed Emitt Rhodes. Non è del tutto una situazione di one-man-band poiché impiega una sezione ritmica oltre all’assistenza occasionale con fiati, chitarre e archi. Ma queste canzoni ben costruite sembrano la musica della mente di un musicista estremamente creativo, soprattutto perché è anche accreditato come produttore e arrangiatore.

La voce dolce, melliflua e acuta di Rault, che a volte scivola in falsetto, è, come molti degli strumenti, spesso sovraincisa. Ciò crea un’atmosfera multistrato da Beach Boys, in particolare nella schiumosa “When I’m Back in Town Again”, una canzone ingannevolmente ottimista su come il narratore torna ai vecchi ritrovi in ​​cui ha incontrato la sua ex dopo essere stato scaricato. Sulla bella chitarra acustica e sulla ballata in stile 10CC potenziata con archi, “Whoever Comes Around”, Michael tira al cuore. È triste, ma squisito e agrodolce.

Ogni traccia è prodotta in modo impeccabile e arrangiata con pedal steel, fiati e sintetizzatori aggiunti con gusto e nel momento appropriato. Ogni strumento è al servizio della canzone e ciascuno fluttua e brilla in una concisa foschia pop che è graziosamente senza sforzo. L’effetto McCartney è forse un po’ troppo pronunciato su tagli come l’affascinante “Who Will You Call On” e, insieme alle influenze di cui sopra, anche alcuni ceppi di ELO degli anni ’70, nella loro forma più radiofonica, lampeggiano.

C’è così tanto da assorbire che, anche se puoi cantare ogni ritornello orecchiabile dopo una singola esecuzione, schiaffeggiare un buon paio di cuffie per crogiolarsi nella pura musicalità e nella meticolosa costruzione di ogni selezione rende tutto più immediato. La sua cura e attenzione al prodotto finale è impressionante e spesso notevole.

Il set omonimo porterà finalmente il talentuoso cantautore a un pubblico più ampio dopo oltre 15 anni di marginalità? Merita sicuramente di farlo, poiché questa volta riunisce tutte le sue forze in un pacchetto di 35 minuti compatto e straordinariamente armonioso in cui rivede e corregge cerca trent’anni in musica tra intime orchestrazione ed uno spirito blue-eyed soul!!!