MATMOS – ‘Regards/Unklony Dla Boguslaw Schaeffer’ cover albumBogusław Schaeffer è una figura affascinante, nato a Lviv (l’attuale Ucraina) nel 1929, ma cittadino polacco, formatosi in violino e musica classica, ma uno dei primi sperimentatori di elettronica. Ha incorporato elementi del jazz nella sua musica in anticipo sulla curva e ha inventato il proprio sistema di notazione idiosincratico. Schaeffer è ampiamente riconosciuto come uno dei principali compositori polacchi e, se non bastasse, è stato anche uno scrittore di opere assurde, un accompagnatore di produzioni teatrali e di danza e un uomo rinascimentale a tutto tondo. Il documentarista Maciej Pisarek ha realizzato un film intitolato “Solo” sulla vita e la musica di Boguslaw, e vale la pena guardarlo. Nel film, puoi vederlo far rimbalzare un uovo sodo sulle corde del pianoforte per ottenere suoni alterati, comporre al volo e annotare mentre va, portare a spasso un cane ribelle e accettare vari tipi di consensi.

L’artista polacco, morto nel 2019, ha capito quanto fosse diversa la sua arte dalla maggior parte dei compositori classici contemporanei e come ciò limitasse il suo pubblico. Ha osservato: ‘Il lavoro dei veri creatori [è] oscurato dalla fama e dalla popolarità dei compositori che nello sviluppo della musica svolgono ruoli secondari. In altre parole, la musica si divide nella creatività reale e in quella riproduttiva, rimaneggiando con risultati artistici dubbi ciò che è stato fatto da individui scelti’. Schaeffer si è giustamente messo nel secondo secchio. Con circa 500 composizioni a suo nome, il suo lavoro spaziava da interpretazioni spigolose, con flessioni be-bop del jazz a inquietanti messe elettroniche.

Non molto tempo dopo la sua morte, l’Instytutu Adama Mickiewicza ha concesso al duo di elettronica sperimentale Matmos l’accesso all’intero archivio delle opere registrate di Boguslaw, che hanno poi utilizzato come materia prima per il loro 13° album. Il risultato è un insieme intrigante di tracce che suonano, da una parte, molto in linea con i groove percolanti e astratti di Matmos, ma anche molto diversi.

Le prime tre tracce sono glitch, ritmicamente accessibili. “Resemblage / Parasamblaż” segue una cadenza leggera, ma costante, di batteria attraverso boschetti di toni elettronici argentati. Silenzioso ma sovversivo, pulsa come una banda musicale ascoltata da lontano, con un carillon distorto che suona più vicino. “Cobra Wages Shuffle / Off! Schable w gurę!” costruisce una macchina di battiti e blat di Rube Goldberg, quindi azzarda frammenti disincarnati di meditazioni corali. Schaeffer era un amico e contemporaneo di Ligeti e puoi sicuramente sentire la connessione. Mentre la traccia va avanti, un po’ di bebop filtra nella batteria e raffiche di ottoni. Spensierata e scanzonata, è una danza astratta con il ritmo al centro. Una donna parla in polacco verso la fine. Ti chiedi se proviene da una delle commedie. Con “Flight to Sodom / Lot do Salo”, il disco si muove in astrazioni ancora più avvincenti, una voce campionata che pulsa come un tamburo mentre le ricche trame di synth turbinano attorno ad esso. Anche qui, le voci denaturate salgono e svaniscono in un suono corale non proprio umano. Il secondo lato diventa più minaccioso e suggestivo in tagli come ” Tonight there is something special about the moon / Jaki księżyc dziś wieczór…” e in particolare ” Anti-Antiphon (Absolute Decomposition) / Anty-Antyfona (Dekonstrukcja na całego)”.

Se non hai molta familiarità con Schaeffer – e la maggior parte di noi non la hanno – potrebbe essere difficile separare il suo contributo dal gioco sonoro di Matmos. Ma da una coppia che ha creato ritmi artistici dai rumori della chirurgia e dalle lavatrici, il passaggio alla musica classica modernista come materiale di partenza è una scelta intrigante. Ti chiedi se Boguslaw avrebbe considerato questo album una vera creatività o riproduzione, ma potresti sostenere entrambi!!!