MARLON WILLIAMS – ‘My Boy’ cover albumQuando Marlon Williams si è annunciato al pubblico australiano con l’omonimo album di debutto del 2015, tutti gli ingredienti necessari erano lì per una straordinaria carriera nell’alt-country. Aveva un cantilenante che ricordava Roy Orbison, l’intensità oscura di Johnny Cash e canzoni come “Dark Child” che portavano il peso emotivo a vacillare anche il più cinico degli orecchi.

Il seguito del 2018, “Make Way For Love”, scritto all’indomani della rottura con l’acclamata artista kiwi Aldous Harding, è stata una naturale evoluzione del sound nostalgico di Williams.

Il terzo disco del 31enne, “My Boy”, elimina qualsiasi idea di incasellare il proprio suono. Ovviamente la voce di Marlon mantiene la propria qualità nostalgica. Appartiene all’era delle fotografie color seppia, ma è diventato più giocoso.

A differenza di alcuni sforzi passati, il nostro non si è basato sulla qualità della propria voce per fornire l’emozione. La strumentazione e l’arrangiamento sono diventati molto più ricchi.

“My Boy” scopre che il cantante esplora il potenziale della scrittura di canzoni lungo vari percorsi di genere. La title track di apertura rimbalza subito con un mix solare di chitarre acustiche e batteria e ‘do do do do’ per avere la vita amorosa di Williams.

“Don’t Go Back” trasmette un’atmosfera simile con la melodia più funky mai pronunciata dalle sue labbra. Parte dello spirito ottimista del rilascio può essere contribuito lavorando con nuovi musicisti come il batterista di Los Angeles Paul Taylor (Feist), il bassista Cass Mitchell (Ladyhawke, Tiny Ruins), il produttore Tom Healy alle chitarre e sintetizzatori ed Elroy Finn (Crowded House) alla batteria e percussioni.

Ci sono ancora tocchi di americana e goth-country in “Easy Does It” e “Soft Boys Make The Grade”, ma Marlon si è anche dilettato con sintetizzatori e ritmi programmati per la prima volta.

L’impressionante “River Rival” inizia la vita con un’energia tesa prima di esplodere in una ricca armonia. “My Heart The Wormhole” è un altro viaggio sui sintetizzatori. L’LP è senza dubbio il miglior set che il nostro abbia pubblicato e il suo più felice ad oggi.

Negli ultimi quattro anni Marlon Williams ha avviato con successo una carriera di attore con ruoli importanti in film e serie tv, oltre ad aver collaborato e suonato dal vivo con star del calibro di Lorde, Courtney Barnett, Paul Kelly e Yo-Yo Ma e aver realizzato la colonna sonora di “Juniper”. “My Boy” è un disco vivido e dinamico, vivace, complesso e cinetico come la vita che svolge il suo interprete. ‘Ho sempre esplorato diversi elementi dei personaggi nella mia musica’ – afferma l’artista. ‘Penso che più mi avvicino alla recitazione, più trucchi imparo sulla rappresentazione e la presentazione. Sto cercando di far sì che i miei mondi si alimentino l’uno nell’altro il più possibile. Voglio diventare più coraggioso esplorando contesti mutevoli e nuovi modi di fare le cose’.

Questo ragazzo è sempre stato ricco di potenziale e finalmente sta venendo tutto insieme!!!