MARINA ALLEN – ‘Candlepower’ cover albumBeh, questo è qualcosa di piuttosto speciale. Il debutto di Marina Allen, “Candlepower”, di Los Angeles è un’ottima e incantevole sorpresa. È allettante, quando emerge un nuovo atto, identificarlo e confrontarlo con ciò che è passato prima, e ci sono certamente diversi nomi e influenze raggruppati intorno a Marina. Echi delle grandi cantautrici, come Joni Mitchell, Carole King, Laura Nyro e Karen Carpenter, accanto a voci più recenti come Laura Marling, si riconoscono lungo “Candlepower”, ma c’è molto di più in Allen di una facile replica del passato. Questa talentuosa cantautrice è certamente la star di sé stessa, appassionata piuttosto che appesantita da tali confronti.

L’album si apre con fiducia con “Oh, Louise”. La sua chitarra e le tastiere morbide e jazz, completati dall’entrata vocale a base di miele della nostra dall’interno. Inizia tranquillamente prima di prendere ritmo con una percussione quasi jazz. È un’introduzione atmosferica a un album che corteggia completamente l’orecchio.

La pista è rapidamente seguita dalla colma di lussuria “Original Goodness”. ‘Come possiamo attraversare l’inferno, poi andare a letto?’, canta Allen, in una canzone che esplora le complessità delle relazioni umane. È una traccia sincera, splendidamente prodotta dalla stessa cantautrice, e mixata da Ben Varian. L’intero album è infuso con la ‘teatralità magica’ come la chiama Marina: ‘Per me penso che sia un mix coeso’, dice la losangelina, ‘”Candlepower” è come un mantra, un atteggiamento spirituale e una prospettiva; sembra che tutte queste canzoni a modo loro siano dirette in un unico posto mentre ogni canzone tocca un genere diverso. Volevo essere in grado di dire quello che dovevo e mettermi in piedi per il futuro in modo da non essere legata a nessuna cosa’. Questa volontà e fiducia di sperimentare suoni e generi è evidente. Confrontate il contrasto tra “Oh, Louise” con il suo sontuoso ambiente anni ’70 e la malinconia trippy di “Belong Here”, per esempio. Il talento della autrice come scrittrice e la volontà di esplorare i generi sono ben evidenti.

“Belong Here” ne è un esempio. Ricco di un ambiente psichedelico anni ’60, è permeato da uno stato d’animo oscuro e sconcertato. Una chitarra ipnotica perfora la traccia, mentre il flauto di Logan Hone svolazza scherzosamente, tuffi e vortici in tutto. È presente anche una bella lista di ospiti che la nostra arruola. Jonny Kosmo prende il pianoforte nella maggior parte delle tracce, mentre i cori sono forniti da Allyson Yarrow Pierce, chitarra di Ben Schwab e Jasper McMahon, batteria di Ben Varian e sax e flauto di Logan Hone. Phil Hartunian fornisce batteria e clarinetto per “Ofelia”, mentre Jackie Urlik impreziosisce con l’arpa “Believer”. Eric Kinny (chitarra slide) e Jay Rudolph (batteria) compaiono anche in “Sleeper Train” e “Belong Here” rispettivamente.

“Sleeper Train” ci riporta all’inizio, con una traccia semplicemente costruita con la voce morbida di Marina e una chitarra silenziosa e riflessiva. “Believer” è una delle registrazioni più curiose e ipnotiche dell’album. Fondamentalmente una traccia di parole parlate, costruisce lentamente, accompagnata da un coro leggero, malinconico e canoro. Verso la sua conclusione, l’album torna al punto di inizio, con un finale accuratamente lucido e compiuto. “Ophelia” si concentra sulla voce liscia e quasi husky di Allen, mentre “Reunion” possiede il sound di Los Angeles dei cantautori degli anni ’70. La voce è superbamente accompagnata da pianoforte solista e armonie morbide. È un climax splendidamente atmosferico per un debutto piuttosto abbagliante, lasciando l’ascoltatore a desiderare di più.

“Candlepower” è un ascolto senza sforzo e lussuoso. Affascinante e stimolante in egual misura è un debutto assolutamente accattivante e dimostra che Marina Allen sia una voce molto gradita di cui abbiamo la garanzia che sarà una stella brillante nel prossimo futuro!!!