MARIA MULDAUR WITH TUBA SKINNY – ‘Let’s Get Happy Together’ cover albumLa cantante Maria Muldaur ha avuto legami con New Orleans da quando ha pubblicato il suo album solista rivoluzionario nel 1973.

‘Ho sempre amato la musica della ‘Big Easy’, dice la Muldaur. ‘Ricordo quando uscì l’album Wild Tchoupitoulas. Sono stato una fan del Dr. John e del primo album “Gris-Gris”. Quando ho avuto modo di fare il mio primo disco da solista nel 1973 per l’etichetta Warner Bros.’ – ai tempi in cui le etichette discografiche avevano un sacco di soldi e grandi budget succosi – mi hanno chiesto chi volevo sul disco. E io dissi: ‘Potrei portare il dottor John al pianoforte?’ E loro risposero: ‘Certo, nessun problema’.

La sei volte nominata ai Grammy, che è stata soprannominata ‘The First Lady of Roots Music’ per gli album precedenti che toccano le sue influenze ad ampio raggio dal blues, country, folk, jazz e persino musica da jug band, continua la sua esplorazione della grande musica americana delle radici. Sulla sua ultima escursione, questa volta nelle epoche jazz e blues dei suoni degli anni 1920 / ’30s, Maria collabora con l’acclamato New Orleans Street Band Tuba Magro per “Let’ s Get Happy Together”, rilasciato il 7 maggio, su Stony Plain Records.

Maria ha registrato il disco ai Marigny Studios di New Orleans insieme ai membri dei Tuba Skinny: Shaye Cohn – cornetta; Todd Burdick – tuba; Barnabus Jones – trombone; Jason Lawrence – banjo; Craig Flory – clarinetto; Greg Sherman – chitarra; Max Bien-Kahn – chitarra; e Robin Rapuzzi – washboard. Questo è il 43° album della nostra in una lunga e leggendaria carriera (il suo nono su Stony Plain).

The Crescent City è sempre stata una delle destinazioni preferite per la sua ispirazione e quella sensazione di New Orleans permea tutte le 12 tracce del lavoro. Quando ha scoperto la musica dei Tuba Skinny, ha imparato che proprio come lei, questi musicisti studiano, suonano e si immergono nella prima musica blues, jazz e jug-band degli anni ’20 e ’30. ‘Non stavano solo suonando un meraviglioso repertorio di brani fantastici con grande abilità e autenticità, ma in qualche modo incanalavano l’atmosfera e le vibrazioni di quell’era passata’.

Poco prima della pandemia di COVID nel gennaio 2020, la Muldaur ha chiesto a Tuba Skinny di collaborare per un’esibizione all’International Folk Alliance Conference a New Orleans. Fu così ben accolto che un album fu immediatamente concepito e registrato nello stesso anno, con la title track che riassumeva tutto: “Let’s Get Happy Together!” Eseguendo 12 canzoni il più vicino possibile alle registrazioni originali, Maria e Tuba Skinny hanno dato nuova vita a gemme, raramente ascoltate, di questa incredibile era.

L’album parte di buon umore con la cornetta aggraziata di Cohn che insegue il clarinetto serpeggiante di Flory che conduce alla voce vivace di Maria, che abbaglia con una gioia luminosa mentre la cantante afferma che di tutte le cose nella vita che la rendono felice, “I Like You Best of All”; ogni strumento prende una svolta sul ponte strumentale, permettendo alla band di crogiolarsi nella sua gloria. L’ondulante, toccante “Let’s Get Happy Together”, scritta e originariamente registrata da Lil Hardin Armstrong, mostra con giubilo il genio musicale di Tuba Skinny e il dono di Muldaur per trasmettere le emozioni dei testi di una canzone nella sua voce. La combustione lenta “Delta Bound” contiene caratteristiche sonore simili alla versione classica di Muldaur di “Can’t You Feel My Leg,” mentre il numero saltellante di juke “Swing You Sinners” illustra astutamente che il gospel e il jazz sono due facce della stessa medaglia e che c’è tanta redenzione in una divagazione jazz del sabato sera quanto in un grido gospel della domenica mattina. La cantante cattura lo spirito ironico di “He Ain’t Got Rhythm” di Irving Berlin, mentre i ritmi oscillanti di Tuba Skinny offrono una parodia astuta del tema della canzone. Il disco si chiude con due brani blues sensuali, “Big City Blues” e “Road of Stone”.

“Let’s Get Happy Together” è un incontro fatto nel paradiso del jazz, e possiamo solo sperare che la nostra e Tubby Skinny uniscano di nuovo le forze per un altro incontro stimolante che possa scatenarsi lungo Bourbon Street!!!