LONNIE LISTON SMITH – ‘Cosmic Funk’ cover albumDopo l’album di debutto ‘solo’ di Lonnie Liston Smith con i Cosmic Echoes, che era un discendente con connotazioni fusion del regno di Coltrane-Shepp, “Cosmic Funk” è piuttosto un punto di partenza verso il mondo rock con il suo jazz-funk spesso eccitante. Al di fuori di Liston stesso, dei musicisti di “Astral Travelling” rimane solo il batterista Barron, ma ripeto, è un mondo sonoro completamente diverso, anche se la transizione è ancora graduale. “Cosmic Funk” esita molto tra la fantastica fusione jazz nell’eredità di Coltrane e un po’ di funk molto più mainstream.

Aprendo il funk-jazz mortale della title track che ricorda fortemente i War, veniamo accolti con alcune urla primordiali agghiaccianti su un forte funk di percussioni. Il successivo “Footprints”, scritto da Wayne Shorter, è un pezzo fusion dal ritmo frenetico simile a quello di McCoy Tyner che può trascendere la mente e l’universo cosmico. Chiudendo il lato A, otteniamo l’interessante pezzo fast-fusion di “Beautiful Woman”, rovinato da testi sdolcinati commerciali cantati da Donald Smith (che suona anche piano e flauto, nonché fratello del leader), ma la musica in sé non è così mainstream come il titolo e la voce (per quanto di buono abbia la voce di Donald) ti farebbe pensare ‘Santana non è lontano’.

Sul rovescio della medaglia, “Sais (Egypt)”, scritto da Mtume, allude all’album precedente con i suoi accenni ad Alice Coltrane e trascendendo con l’Echoplexed-Rhodes e linee piuttosto morbide di sax. Per alcuni, l’eccesso di effetti di eco potrebbe rendere la musica datata, ma se ti piacciono i paesaggi sonori sbalorditivi e rilassanti, “Sais“ (e il disco in generale) è una vera delizia. Donald Smith torna al microfono per cantare “Peaceful Ones”, un altro pezzo mid-tempo dal suono piuttosto mainstream, ma il tutto rimane più sereno che sdolcinato o melenso, con alcune eccellenti linee di basso e flauto. Il classico di chiusura di Trane, “Naima”, è sottoposto ad un trattamento insolito, ma ad essere onesti, non credo che questa versione renda il giusto tributo al gigante scomparso. Il punto più basso dell’album, ma è comunque accettabile per gli appassionati di jazz più esigenti.

Sebbene sia un rilascio piuttosto diverso dal suo predecessore “Astral Travelling”, “Cosmic Funk” è comunque un lavoro facilmente raccomandabile, che però inizia meglio di quanto finisca. È facile vedere quando si confrontano i primi due dischi del nostro, dove Lonnie si dirigerà con i futuri album. Ad essere onesti, questa nuova direzione darà alcuni ottime raccolte jazz-funk, prima di degenerare lentamente in proposta soft funk-disco. Nel frattempo, goditi dell’eccellente jazz-funk cosmico che dovrebbe andare a segno senza difficoltà al primo tentativo!!!