KIEFER – ‘In Between Days’ cover albumKiefer è uno degli artisti più emozionanti della scena jazz e beat statunitense con un’ampia base di fan internazionali. Ha vinto un Grammy per la sua collaborazione con Anderson.Paak e ha anche collaborato con SiR.

“Between Days” è l’ultimo capitolo della trilogia di EP di Kiefer (con “Bridges” e “Superbloom” del 2019). Ad eccezione della traccia finale dell’EP, tutte le canzoni sono state registrate in quarantena, tra il 2020 e il 2021. Mentre l’EP riflette il tempo in cui è stato scritto e registrato, “Between Days” parla di transizione, nostalgia, ritrovamento scopo e rimanere fiduciosi.

Molti hanno sempre pensato che il Jazz fosse pretenzioso. Forse perché associano il genere ai fan più fedeli, che lo vedevano come arte, non come musica. Poi ci sono quelli che si sono interessati di più dopo aver scoperto i suoi legami con l’Hip-Hop degli anni ’90. A Tribe Called Quest hanno fatto sì che Jazz li incontrasse alle loro condizioni mentre fondevano assoli di ottoni con la produzione Boom-Bap di New York. Ma l’Hip-Hop si è in seguito miscelato con altre situazioni musicali quali i Caraibi, l’Africa e l’Asia, abbandonando i campionamenti jazz, per cui quella musica rimane per tanti potenziali ascoltatori periferica. Eppure alcuni artisti stanno cercando di aprire la porta e renderla più accessibile.

Kiefer Shackelford (comunemente noto come Kiefer) si è fatto uno spazio fondendo questo pregiato genere con l’Hip-Hop. Il nativo di Los Angeles è stato esposto al genere attraverso suo padre, un talentuoso pianista blues di New Orleans. Ha iniziato a suonare il pianoforte in giovane età e si è sviluppato ulteriormente attraverso lezioni di musica classica e jazz. Ha migliorato la sua abilità come solista all’UCLA mentre espandeva la sua percezione di cosa potesse essere il genere. Dopo aver ascoltato J Dilla, il pioniere del beat-maker di Detroit, è stato ispirato ad abbinare i suoi arrangiamenti al piano su ritmi minimalisti. I primi due album del nostro, “Kickinit Alone” e “Happysad”, hanno spinto i confini del genere fondendo l’atmosfera del rap underground con la tranquillità del jazz.

L’album inizia con un assolo di pianoforte dal ritmo lento che ti mette in uno stato di meditazione. Man mano che il disco si sviluppa, l’affinità di Kiefer per le ricche linee di base conferisce alle sue tracce un groove che affascina immediatamente.

“Work and Purpose” potrebbe essere il momento migliore del lavoro. La traccia inizia con una combinazione di batteria non ortodossa che pone le basi per una linea di basso funky e sintetizzatori perfettamente intonati. Quindi si diletta con un assolo di pianoforte a coda che conferisce un aspetto regale. Il talento di Kiefer è innegabile, è come se Madlib e Ahmad Jamal fossero la stessa persona.

L’LP di otto tracce brilla di armonie che si muovono senza sforzo. Il nostro ci avvicina all’aspetto riflessivo del Jazz mentre mostra le sue qualità edificanti. I suoi ritmi portano un tempo che rende il progetto tanto fresco quanto sereno. Allaccia il tutto con lo-fi hip-hop e funk per creare qualcosa che sembri più grande di qualsiasi genere. Fondamentalmente, “Between Days” sfida la nostra comprensione del Jazz mentre ci ricorda cosa può essere al suo meglio!!!