KAI WHISTON – ‘Quiet As Kept. F.O.G.’ cover albumLa costruzione del mondo consiste nell’ implicare infinite possibilità appena fuori dalla vista e nel dare al tuo pubblico l’ispirazione per colmare le lacune. Kai Whiston è un maestro di questo tipo di costruzione del mondo. Le sue tracce elettroniche lisce e muscolose spesso si svolgono fuori dal conosciuto, su panorami alieni lontani su cui proiettiamo le nostre storie. Suona veloce e sciolto con il genere, canzone mutaforma. Di solito non si accontenta di un suono che potrebbe collocarlo in un particolare periodo di tempo o scena. Si è dilettato in tutto, dal post-rock allo UK Bass, il tutto presentato in un pacchetto stravagante ed esagerato.

Whiston entra nell’inquadratura e si inserisce nella storia. Porta con sé sua madre, Helene Whiston, che è l’amore per Massive Attack, Orbital e The Prodigy plasma l’enorme presentazione del disco. Si siede di fronte a lui sulla copertina, gli occhi chiusi, avvolta in una garza protettiva aliena.

Kai è nato nella musica dance alla fine degli anni ’90. I suoi genitori erano giovani raver della New Age Traveller Community. Era una vita che portava con sé dipendenza e instabilità. Il padre morì prematuramente quando lui era un bambino e sua madre lasciò la comunità per condurre un’esistenza migliore. Attraverso un’emozionante raccolta di brani dance distorti, il nostro riflette sulla propria educazione, il tutto mentre opera in sottofondo.

Prendi la traccia di apertura, “Between Lures”, in cui la voce di Kai è soffocata da un breakbeat trascinante e archi vividi. Questo offuscamento è una tecnica usata abilmente nel Drayan dell’anno scorso per enfatizzare la scala, il volume e l’indiretto emotivo. Da qui si parte per analizzare i suoi sentimenti. È un trucco che ripaga più tardi, quando la registrazione vocale di Helene Whiston viene riprodotta nuda. La storia che sta raccontando è impossibile da confondere: ‘Non avevamo benzina né soldi, e stavo facendo bollire i biberon sul fuoco sotto la pioggia. Pensavo solo di non poterti fare questo. Volevo che tu iniziassi meglio, perché è stato allora che ha iniziato ad andare storto… Avevo ragione piccolo, vero, a tirarci fuori da lì’.

L’approccio crudo e autobiografico dà nuovo peso a queste fantastiche esplorazioni elettroniche, che diventano una conversazione tra i primi anni di sua madre e i suoi. Le canzoni stesse sono melodiche ma dure, oniriche, ma fisiche, come può essere la migliore musica dance. La cosa più impressionante è che si tuffano nei suoni dance degli anni ’90 senza diventare semplici nostalgie o ostinate ricreazioni. Le tracce qui funzionano come ricordi di seconda mano reinventati, il futuro che guarda indietro al passato e tende una mano.

Il disco riesce anche ad essere sia ballabile che profondamente interiore. Altrove, il feedback elettronico si lamenta e si contorce. C’è un dinamismo in questi pezzi che amplifica solo le loro origini emotive.

Whiston usa la forma della musica dance per comprendere il suo passato con più apertura. Fa il passo maturo per vedere questa storia non solo attraverso la lente potenzialmente miope della propria prospettiva, ma attraverso un’istantanea più ampia di una comunità perduta. Arriviamo tutti a un punto in cui iniziamo a vedere i nostri genitori come persone normali, con le loro storie e difetti umani. Ripercorrendo insieme i loro passi, madre e figlio trovano conforto e chiarezza in questo paesaggio abbandonato.

Una sorta di esplorazione della dance anni ’90, dei ricordi e delle sensazioni di quel periodo, tra celebrazione e critica!!!