KAE TEMPEST – ‘The Line Is A Curve’ cover albumÈ stato un bel viaggio per Kae Tempest, sia a livello personale che artistico. Ad oggi, è stata responsabile di tre opere teatrali, un romanzo, sei libri di poesie e un’opera di saggistica. Questo prima di arrivare alla musica. Tre album, i primi due nominati per il Premio Mercurio. Il loro secondo, “Let Them Eat Chaos”, sarà considerato uno dei dischi più originali di questo millennio. È stato seguito da una sorta di svolta a sinistra sotto forma di “The Book Of Traps And Lessons”, prodotto da Rick Rubin; un lavoro che ha segnato un sorprendente, ma inaspettatamente gradito, allontanamento dall’intensità viscerale del precedente. Spogliato, con pianoforte acustico e corde malinconiche, ha mostrato al mondo che qui c’era un artista con più di una freccia al proprio arco. Ora arriva il quarto, “The Line Is A Curve”.

C’è una forte presenza elettronica nel nuovo rilascio. È come se si fosse imbattuta nella Yellow Magic Orchestra a Catford High Street e li avesse convinti a diventare la propria band di supporto per questo album. Quei sintetizzatori frizzanti portano un’atmosfera diversa alla consegna di Kae e, in generale, questo disco sembra il più caldo fino ad oggi. Certamente non porta la rabbia di “Let Them Eat Chaos”.

Siamo immediatamente colpiti da questa diversa versione (musicalmente parlando) della/del nostro/a dal momento in cui la puntina tocca il vinile. “Priority Boredom” si apre con onde glaciali e increspate di suono elettronico prima che si unisca alla consegna della mitragliatrice di Tempest. È un inizio impressionante che migliora ancora con la traccia successiva. Il sintetizzatore minimalista e arpeggiato di “I Saw Light” si ripete su un loop privo di ritmi. Invece, il ritmo del brano deriva dalla consegna di Kae. Qui interagiscono superbamente con la morbida sbavatura irlandese del primo di numerosi collaboratori di “The Line Is A Curve”, Grian Chatten di Fontaines DC. “I Saw Light” è una traccia eccezionale, con la sua atmosfera intima che crea l’impressione di Tempest e Chatten uno di fronte all’altro in una stanza non ammobiliata, illuminata solo da una debole lampadina nuda. La magia del brano nasce dal minimalismo assoluto della musica. Questo è ciò che consente alle voci di essere al centro della scena e quando si tratta del lavoro di Kae, le parole contano davvero. Ovviamente. Quando la musica viene spogliata, facilita l’impatto dei versi.

Questo si dimostra perfettamente anche sulla collaborazione con Confucio MC, “Smoking”. Ancora una volta, c’è un’assenza di battiti per tutta la prima metà del brano. L’unica fonte della musica è un sintetizzatore isolato e squillante.

Al contrario, alcuni pezzi della raccolta non riescono ad attirarci con lo stesso impatto, e questo perché funzionano in un modo che è l’esatto opposto di entrambe le canzoni discusse sopra. La traccia più lunga dell’album, “Salt Coast” e la sua più breve, “Move”, sono esempi perfetti di brani in cui la voce di Tempest è soffocata dalla musica. Non è che i suoni siano avvolgenti o opprimenti, è semplicemente che sono fusi assieme. Nonostante ciò, rimane uno degli artisti più innovativi e stimolanti e nonostante gli occasionali passi falsi, c’è abbastanza da fare in questo lavoro per tenerci agganciati.

Lianne La Havas si dimostra una collaboratrice eccezionale in “No Prizes”, la sua voce fumante e piena di sentimento contrasta perfettamente con la parola di Tempest. La traccia precedente, “Nothing To Prove”, ha l’intensità e l’urgenza di qualsiasi cosa in “Let Them Eat Chaos”. È un ascolto affascinante poiché un languido synth fornisce un convincente contrappunto al rap viscerale di Kae.

Pur con qualche difetto, un’opera che dimostra come l’artista sia una delle voci più autorevoli della scena artistica e culturale contemporanea!!!