JUST MUSTARD – ‘Heart Under’ cover albumCon l’uscita dell’album di debutto di Just Mustard, nel 2018, i cinque di Dundalk, in Irlanda, suonavano aderenti entro i confini dei riconoscibili tropi shoegaze, anche se c’erano delle infarinature di noise rock qua e là per buona misura.

In “Heart Under”, il secondo rilascio della band e il primo per la Partisan Records, ci sono chitarre post-punk travolgenti e graffianti, voci eteree da sogno pop e linee di batteria e basso in stile industriale che polverizzano. C’è molto da fare ed è troppo riduttivo mettere giù un mucchio di etichette e confronti. Laddove il debutto è stato in debito con una scena che li ha preceduti, “Heart Under” è un passo coraggioso in un nuovo territorio sonoro che contribuiranno a definire.

“23” apre il procedimento e imposta perfettamente il tono per il resto del disco. Le chitarre sibilano come violoncelli, mentre la voce in picchiata di Katie Ball suona dolce e minacciosa allo stesso tempo. Un cambiamento importante in questo LP è quanto sono alte nel mix audio le voci, e questa è un’alterazione gradita. La voce di Ball, a volte, ha un timbro infantile, spesso pronunciato all’interno di una piccola gamma di note in alcune parti delle canzoni per offrire una sensazione di noia e per accentuare le astrazioni al centro delle tracce. Le frasi vengono ripetute ancora e ancora nel disco e il ritornello di apertura di ‘Ti conoscevo?’ è inquietante nella consegna, deliziosamente apatica. La natura ripetitiva dei testi è un aspetto avvincente del lavoro, ogni pezzo si presenta come un mantra, come un’affermazione di agenzia, più che semplici narrazioni. Non ci sono storie in quanto tali su “Heart Under”, sono tagli emotivi ed espressivi senza essere chiaramente definite o lineari.

“Seed” inizia con un muro di rumori aspri ed esilaranti, simili ad “Aruca” dei Medicine. Ma è qui che finisce il confronto. Un ritmo di batteria in stile militare e una linea di basso frugale offrono spazio per l’assalto di chitarra gemella carico di effetti di David Noonan e Mete Kalyon che alzano i pedali del tremolo fino a 11. La voce di Katie brilla tra i flussi e riflussi cacofonici e un’interruzione a metà è la calma prima della tempesta prima che le sei corde scatenino un grido onnipotente che è estatico, decadente e glorioso.

La fiducia di Just Mustard trapela dalla raccolta e sembra una formazione che si è trovata in tutti i sensi. “Blue Chalk” mette in evidenza sia la loro natura sperimentale che la loro capacità di creare composizioni accattivanti che sembrano entità libere piuttosto che creazioni inventate. La sensazione sparsa della traccia prende forma con un suono di batteria profondo che è totalmente in contrasto con la natura eterea del pezzo. Questa sensazione di suoni come contrappuntistici, giustapposti e innegabilmente complementari, mette in evidenza una situazione in cui ogni aspetto è in una tesa unione di idee che si combinano meravigliosamente.

Ci sono alcuni piccoli passi falsi in “Heart Under”, in particolare “Mirrors” che suona un po’ troppo familiare in un disco che nel complesso sembra alieno, disconnesso e diverso. Anche la consegna vocale di Ball dopo un po’ è un po’ troppo simile da una traccia all’altra, ma questi sono semplici cavilli piuttosto che problemi genuini.

La chiusura, “Rivers”, mette in evidenza tutto ciò che è fantastico nel set. Il basso semplice e costante di Rob Clarke fa la sua parte qui, agendo come setter dell’umore e cronometrista mentre la batteria di Shane Maguire è sepolta in profondità nel mix. Proprio come senti che la canzone sta andando in una direzione, ti porta da qualche altra parte: Just Mustard conosce le ‘regole’ della scrittura e vuole sfidarle piuttosto che conformarsi. Il finale euforico previsto, verso il quale sta apparentemente costruendo, è negato da un gruppo che suona secondo le proprie regole – e più potere a loro per questo!!!