JOHN MORELAND – ‘Birds In The Ceiling’ cover albumIl nuovo album di John Moreland potrebbe farti letteralmente cercare i “Birds in the Ceiling” del titolo. Le sue nove tracce sono piene di inquietanti blip e ritocchi che sembrano uscire dalla produzione tra le note di chitarra, tastiere, basso e batteria più convenzionali. Per chi non conoscesse il nativo dell’Oklahoma, iniziò come un cantautore più tipico in una modalità americana. Sei album dopo, ora utilizza il campionamento, il sequencing e il mellotron per trasformare le sue composizioni, apparentemente tradizionali, in qualcosa di più avant-garde e originale. Ciò corrisponde all’evoluzione dei testi di John. Osserva il mondo, le persone che ama e ha amato, e più trova chiarezza, maggiore è la sua confusione.

‘Sono un visitatore qui come ovunque’, proclama il cantante in “Lion’s Den”, una traccia che suggerisce che siamo tutti vittime della sindrome di Stoccolma, non importa chi siamo e dove siamo. L’accompagnamento musicale ai testi combina sintetizzatori e percussioni elettroniche con una bella linea di chitarra acustica strimpellata. I suoni vaganti vanno e vengono come ombre sulla voce bassa e colloquiale del nostro. Questo ha un effetto disorientante intenzionale.

Sogni, ricordi, delusioni, miraggi, sonno – gli ambigui stati di coscienza – formano le matrici delle singole tracce. Il narratore si sveglia continuamente per scoprire che in realtà non è senziente. Quei “Birds in the Ceiling” della canzone del titolo sono reali? Moreland usa il loro canto come metafora del mix di immaginazione e autenticità che costituiscono la nostra esistenza corporea. Ma invece di usare registrazioni sul campo aviario, Moreland usa suoni sintetici imitativi per accompagnare i testi.

Il cantautore intenzionalmente non usa autentici suoni di uccelli nella title track, ma lo fa in altre parti del disco, in particolare nella bellissima “Dim Little Light”. È la canzone più acustica dell’LP, per lo più solo lui e la sua chitarra, mentre canta piano di sentirsi ‘felicissimo’. Gli ultimi 15 secondi del taglio sono solo il suono di un uccello solitario che cinguetta nello spazio. La luce fioca del titolo è quella dentro di noi. La vera illuminazione viene dall’interno.

Il mondo intorno a noi è pieno di falsità ed illusione. John si lamenta di ‘idoli economici vestiti con spazzatura costosa’, ‘la guerra alla verità’, ‘le bugie che dici a te stesso per provare a sentirti bene’ e ‘stare in posa, indossando i vestiti di qualcun altro’. Ma non è amaro e nemmeno cinico. Canta con una voce contenuta che implica un apprezzamento per il mix di buono e cattivo che compone il mondo. I suoni strani che ha aggiunto alla sua musica mostrano che la vita è più complicata di quanto esprimesse una volta!!!