JOEL ROSS – ‘The Parable Of The Poet’ cover album“The Parable Of The Poet”, il terzo album del vibrafonista newyorkese Joel Ross, è un trionfo assoluto. Supportato da una band stellare, ha creato un disco che sembra allo stesso tempo voluminoso e intimo e forse il suo più riuscito. A svolgere un ruolo significativo in questo risultato è la band di otto elementi, che include luminari come il compagno di etichetta Blue Note Immanuel Wilkins al contralto e Marquis Hill alla tromba.

Criticamente, mentre è il nome di Ross sulla copertina, questo è categoricamente un lavoro di tutta la squadra. Quei collaboratori stupiscono, sia individualmente che collettivamente, anche se il merito va a Joel per aver condiviso i riflettori e guidato la formazione in modo così efficace. Probabilmente aiuta il fatto che li descriva come ‘più che semplici strumenti/sono tutti miei amici’. Inoltre, tutti si sono impegnati nella visione del leader.  Pertanto, mentre il nostro è indiscutibilmente il capobanda, “The Parable Of The Poet” è il rilascio di un collettivo. Opportunamente, tuttavia, è Joel a guidarci in questa esperienza, con il suo vibrafono l’unico suono che si sente nel primo minuto del primo movimento dell’album, la preghiera dolce e melodica. Risuona e suona deliziosamente prima di essere raggiunto dagli altri musicisti. Rispettosamente, coscienziosamente, entrano nella stanza gradualmente, intrufolandosi facilmente nella pista. Non c’è fanfara. Consentono al vibrafono di guidarli, sapendo che tutti avranno l’opportunità di brillare in breve tempo.

Il bassista Rick Rosato si fa avanti per introdurre il secondo movimento, “Guilt”; il suo contrabbasso risuona magnificamente. L’aspetto più sorprendente qui è lo spazio in cui è permesso sbocciare. Ross e i sodali sono pazienti. Per novanta secondi interi tengono il fuoco, prima che il nostro entri di corsa, con il suo vibrafono che picchia come non ci fosse un domani. Il pianoforte di Sean Mason penetra nella stanza e, ancora una volta, proprio come il movimento di apertura, niente è affrettato. Tutto è al proprio posto, esattamente al momento giusto. Il flauto di Gabrielle Garo balla mentre, proprio come il senso di colpa stesso, quei fiati risuonano riflessivi. Il movimento è intitolato ‘Colpa’ per un motivo. Man mano che la musica procede, ondeggia e oscilla ritmicamente; prende velocità, ma non urgenza.

“Choices”, il terzo movimento, si apre con il sax tenore cupo e minaccioso di Maria Grand. C’è una tensione palpabile mentre gli altri strumenti si insinuano nel pezzo, come se stessero girando l’un l’altro, rovinandosi per una rissa. A metà, è calmo, poiché assume le tonalità di un funerale di New Orleans, grazie soprattutto al trombone atmosferico di Kalia Vandever. Poi si riparte, virando in una direzione diversa. Quegli strumenti non sono più in guerra. È come se un raggio di luce solare fosse penetrato per brillare direttamente su di loro mentre trovano un terreno comune e comunicano in modo costruttivo. Luce e ombra. Ross ha creato il chiaroscuro assoluto.

Il quarto movimento, “Wail”, si apre letteralmente con, beh, un lamento. Il sax alto di Immanuel Wilkins ci accompagna in questo viaggio particolare. Esplode dagli altoparlanti in un modo che ricorda l’apertura di Coltrane a “Resolution”. Ha lo stesso tipo di immediatezza e impatto, gemendo magnificamente ed emotivamente. Quando gli altri strumenti si uniscono, c’è un senso di mistero e intrigo, con il vibrafono che porta un accenno di Morricone. Senza soluzione di continuità, si prosegue in “The Impetus (To Be And Do Better)”. Mason e Hill riprendono semplicemente da dove ci hanno lasciato su “Wail”. È malinconico e lunatico, probabilmente il più diretto di questi sette movimenti. Tuttavia, non è meno intrigante per questo. “Doxology (Hope)” ci riporta all’anticonformismo, con il tenore di Grand che stabilisce una precipitosa introduzione. Quando l’intera formazione si unisce, è paradisiaco e se non hai ancora apprezzato quanto siano stretti, ormai lo farai. Il movimento finale, “Benediction”, è perfettamente programmato. Il pianoforte contemplativo a tarda notte di Mason è l’introduzione da manuale alla chiusura di un disco. Il ritmo è simile a una marcia funebre, ma questa volta non a New Orleans. Il vibrafono di Ross porta la melodia, in cima a cupe percussioni. La composizione ha un ritmo notevolmente più lento, più pieno di sentimento, quasi come se ci incoraggiasse a prenderci del tempo per riflettere su ciò che è accaduto prima.

E dovremmo riflettere, perché “The Parable Of The Poet” è un album straordinario, uno come pochi altri che ho ascoltato quest’anno. Qui abbiamo una collezione di nove musicisti, tutti individualmente dotati di eccezionale talento. Ma, come ogni grande squadra, il tutto è maggiore della somma delle parti. Quella genialità collettiva è una testimonianza del genio di Ross nel comprendere le dinamiche di gruppo!!!