JOE GRUSCHECKY & THE HOUSEROCKERS – ‘American Babylon 25th Anniversary Edition’ cover albumContiene come prezioso bonus ben dieci brani dal vivo in compagnia di Bruce Springsteen, oltre ad alcuni provini, questa edizione del venticinquennale di “American Babylon” di Joe Grushecky & The Houserockers pubblicata su doppio CD. Quando la band di Pittsburgh pubblicò questo album nel 1995, era già da tempo un pilastro del circuito live statunitense, ma la presenza di Springsteen – che per quel disco scrisse due canzoni suonando in diversi brani e incaricandosi anche della produzione – catapultò sulla ribalta internazionale il suo genuino rock stradaiolo e operaio condito di blues e R&B che, come scrisse allora la rivista Rolling Stone, piantava ‘una provocatoria bandiera nell’anima del rock and roll’. I brani live aggiunti alla deluxe sono tratti dalla data dell'”October Assaul Tour” che Grushecky e i suoi fidi compari (con il Boss ‘special guest’) tennero allora nella loro città natale davanti ad una folla entusiasta.

Pochi tra coloro che hanno ascoltato la musica di Joe Grushecky, o l’hanno visto far saltare il tetto dei club dal vivo, negherebbero che la vita non è stata giusta per il rocker del cuore.

Come frontman prima per gli Iron City Houserockers, poi entrando sotto i riflettori alla guida dei suoi Houserockers, e poi da solista, l’orgoglio della scena dei club della cintura di ruggine radicata di Pittsburgh non ha mai ottenuto i riconoscimenti che merita come cantante avvincente, potente cantautore e autorevole esecutore. Anche il supporto continuo e molto vocale di Bruce Springsteen non è stato sufficiente per portare Joe alla ribalta nazionale e su palchi più grandi a cui appartiene lui e la sua musica da arena.

Il suo ultimo album di materiale originale risale al 2013. Ma per fortuna il nostro ha accumulato abbastanza fan da permettere che il suo catalogo venga lentamente ristampato. Ciò mantiene vivo il suo nome e forse guadagna nuovi seguaci grazie al suo rock grintoso ed emotivo, che ha creato un piccolo, ma fervente, culto, e non solo tra i fedeli del ‘Boss’. Questa presentazione ampliata per il 25° anniversario di “American Babylon” è certamente degna di attenzione. Springsteen era già un ammiratore di lunga data quando ha firmato per produrre, suonare e co-scrivere alcune selezioni della dozzina di tracce originali del disco. La sorella Pam ha fornito anche le foto che adornano la copertina. Il coinvolgimento di alto profilo dell’icona del New Jersey probabilmente ha atto vendere qualche copia in più, ma non molte, anche se Bruce è apparso come ospite non annunciato in alcuni spettacoli del tour a supporto del lavoro, incluso quello in questo set.

Ancora una volta il buon Joe non ha ricevuto le giuste gratificazioni come accaduto lungo il corso della sua lunga carriera. Le canzoni, sebbene non si discostino dai soliti argomenti che raccontano la vita della classe operaia, sono aspre, melodiche e, spesso, intense nei loro testi e nelle loro performance bollenti. Dalle toccanti ballate come “Homestead”, che segue la vita di un operaio di una fabbrica di ferro nei minimi dettagli (‘la polvere era così densa che potresti soffocare’) mentre Springsteen suona l’armonica, alla “Chain Smokin” in stile Bruce, dove Grushecky si racconta in prima persona come un uomo depresso che prende l’attività titolare dopo che la sua vecchia fidanzata se ne è andata, questo è bruciante, personale e commovente in tutti i modi giusti. Brani rock come il trascinante “No Strings Attached” si scatenano con ritornelli duri, crudi e cantilenanti che si attaccano dopo il primo giro. Questa edizione speciale aggiunge tre fantastici demo abbastanza buoni da essere versioni finali per altri artisti, spingendo il tempo di riproduzione su un album già lungo. Un secondo disco selezionato da due concerti nella città natale di Pittsburgh trova gli Houserockers, arricchiti dal ‘Boss’, che dimostrano tutta la loro potenza on stage con frizzanti esibizioni, per la maggior parte dei brani dell’LP in questione. Springsteen si registra condividendo la voce con Grushecky nella sua “Light of Day”, che, a sette minuti, si accende con potenza rauca. Il concerto rovente si chiude con un run-through di “Down the Road Apiece”, meglio conosciuto attraverso la registrazione di Chuck Berry.

Musicalmente, questa è una registrazione superba e un punto culminante del catalogo costantemente impressionante di Grushecky. Ma i compilatori non hanno reso un buon servizio al nostro, non ci sono opuscoli, note di copertina, interviste ai partecipanti su come è stato creato l’album, nemmeno testi stampati. I cinque membri degli Houserockers, che appaiono solo in due foto, inoltre, non sono elencati per quale strumento hanno suonato. Ancora una volta, Joe viene imbrogliato. A questo punto, probabilmente è abituato, ma è comunque una grande mancanza per la musica che arriva dagli altoparlanti e cattura gli ascoltatori con la stessa, e probabilmente maggiore, intensità di quando il punto di riferimento “American Babylon” è stato rilasciato per la prima volta.

Lui e questo fantastico album meritano di meglio!!!