JASON ISBELL AND THE 400 UNIT – ‘Georgia Blue’ cover albumNelle elezioni del 2020, la Georgia, tradizionalmente uno stato repubblicano, ha votato democratico per la prima volta da decenni, ribaltando così la situazione. Quindi, come democratico orgoglioso, ha senso che il nuovo album di Jason Isbell – una raccolta compilata per notare l’importante occasione – si intitoli “Georgia Blue”.

Creato per celebrare il ruolo della Georgia nelle elezioni del 2020, ma non solo, anche per fornire risorse per combattere la recente legislazione restrittiva sul voto, tutti i proventi andranno a beneficio di tre organizzazioni no-profit: Black Voters Matter, Fair Fight e Georgia STAND-UP.

Insieme a una manciata di amici musicisti che la pensano allo stesso modo, il disco vede Isbell interpretare una selezione delle sue canzoni preferite di band e artisti georgiani. Il prodotto finale è un set di 13 tracce deliziosamente sciolto, sapientemente suonato e soprattutto sincero. I musicisti ospiti, la maggior parte dei quali sono cantanti, aiutano il nostro e la sua formazione a coprire un’ampia fascia di musica emersa dallo stato meridionale degli Stati Uniti.

L’album inizia con i caratteristici suoni acustici di banjo e mandolino di Bela Fleck e Chris Thile rispettivamente su “Nightswimming” dei REM. È un modo insolito di iniziare per una band rock n’ roll formidabile come i 400 Unit e crea qualche anticipazione su come suonerà questa avventura. Una parte di questa risposta proviene dall’ex band del chitarrista dei 400 Unit, l’originale dei Drivin’ N’ Cryin, mentre Sadler Vaden offre una “Honeysuckle Rose” ardente e riverberante.

Ascoltiamo la potente voce di Brittney Spencer su una melodia solitamente riservata ai cantanti maschili, “It’s Man’s Man’s World” di James Brown. L’intro del violino più che accenno al prossimo, come la moglie di Isbell, Amanda Shires, mette il suo marchio inimitabile su “Cross Bones Style” di Cat Power. Adia Victoria poi lo abbatte interpretando acusticamente “The Truth” di Precious Bryant.

Lo stesso Jason prende il comando di uno dei brani più riconoscibili, “I’ve Been Loving You Too Long” di Otis Redding, un atto coraggioso che riesce bene, scavando in profondità per voci da brivido. Isbell prende gli onori su altri due – “Reverse” (Now It’s Overhead) e una lettura particolarmente drammatica di “I’m Through” (Vic Chestnutt).

La banda torna al rock per “Sometimes Salvation” dei Black Crowes con un’altra voce potente, questa di Steve Gorman. Brandi Carlile e Julien Baker si armonizzano magnificamente in “Kid Fears” delle Indigo Girls. La Spencer trasuda di nuovo soul nella hit di Gladys Knight & The Pips, “Midnight Train to Georgia”, e i 400 Unit suonano come i loro antenati del Muscle Shoals in supporto. Il tastierista Peter Levin libera il suo B3 per il più famoso degli strumentali di Allman Brothers, un allenamento scintillante e giustamente intenso di dodici minuti e mezzo per lui e 400 Unit su “In Memory of Elizabeth Reed”.

L’album è completato da un altro brano dei REM, il pulsante singolo pubblicato nel 1985, “Driver 8”, cantato con verve da Isbell e John Paul White. Sebbene il nostro possa essere l’artista principale qui, è più che generoso, mettendo i riflettori sui suoi vari ospiti e dando alla sua band l’opportunità di mostrare la loro potenza e versatilità. Isbell definisce il progetto un atto d’amore, ammettendo che le sue motivazioni erano un po’ egoistiche: ‘Sono anni che cerco una scusa per registrare queste canzoni con la mia band e alcuni amici’. Il risultato è un tributo gioioso e sincero a uno stato la cui musica è così profonda e influente che queste canzoni ne graffiano appena la superficie!!!