INTERPOL – ‘The Other Side Of Make Believe’ cover albumSono trascorsi due decenni da quando i newyorkesi hanno pubblicato il loro album di debutto che ha definito l’era, “Turn On The Bright Lights”. Il calice avvelenato della perfetta cattura di uno spirito del tempo li ha perseguitati per gran parte dei vent’anni successivi, quando gli sguardi minacciosi tornavano ogni volta per vedere se erano ancora una volta riusciti a imbottigliare il lampo di quella prima istantanea di una città industriale che affronta la disperazione e cerca una fuga. C’erano ragioni per cui i Joy Division sono emersi così frequentemente come riferimento nei loro primi giorni, ma la loro musica è arrivata con uno strato aggiuntivo di lucentezza, una bomba quasi teatrale in cui le chitarre taglienti erano integrate da una produzione completa che le avvolse con un calore confortante. C’erano dei sussurri che era un segno che qualcosa di veramente magico sarebbe venuto da loro e, mentre “Antics” e “Our Love To Admire”, ha fatto solidi tentativi per essere all’altezza di “…Bright Lights”, il desiderio di riprendere l’impatto di quella prima inquadratura ha portato a rendimenti lentamente decrescenti nei tre dischi successivi. “Marauder” del 2018 ha visto la marea iniziare a cambiare, anche se il disco sembrava privato delle dinamiche di cui le canzoni avevano bisogno per sollevarle davvero.

Gli Interpol non sono la prima band a sentirsi gravare sul peso di un esordio così perfetto e non saranno di certo gli ultimi, ma ora, nel loro nuovo rilascio, “The Other Side Of Make-Believe”, sembra che stiano emergendo davvero, come suggerisce il titolo, dall’altra parte, in un luogo in cui c’è un crescente senso di liberazione nel loro suono, anche se insieme a testi che si concentrano sull’alienazione del nostro mondo moderno.

Il gruppo non è più la colonna sonora della notte della città, ma piuttosto dell’alba che si infrange nella nebbia mattutina. Quel cambiamento, che secondo il cantante Paul Banks è dovuto al fatto che, separato da un oceano, non scriveva mentre cantava a tutto volume con i compagni, ma piuttosto da solo, rinchiuso per mesi ad Edimburgo. Si alza lentamente su una semplice linea di pianoforte, malinconica, ma bella, il rinnovato senso di liberazione di Banks messo a nudo.

L’approccio alla scrittura ha anche permesso loro di sviluppare un lato del proprio sound che è del tutto più spettrale, come nell’inquietante “Something Changed”. La scarsità e l’apertura lasciano spazio alla dinamica per tornare indietro e aumentare quando la batteria di Sam Fogarino segna un tale cambiamento. La canzone traccia una linea con il lavoro del cantante con Muzz nella strumentazione a strati. Le armonie vocali e quello che suona come un clarinetto corrono sotto come fantasmi nella macchina, aggiungendo un senso di disperazione ai testi che apparentemente affrontano la futilità di esistere in un mondo in cui siamo intrappolati dalla nostra stessa disillusione per non essere in grado di vivere fino agli avatar che creiamo nella nostra mente. Altrove, come in “Passenger”, il chitarrista Daniel Kessler crea riff vertiginosi e ciclici che si estendono a spirale, tentacolari e avvolgenti in un modo che avvicina la traccia a qualcosa che ci si aspetta da Jonny Greenwood. I suoi continui arpeggi in loop turbinano, lasciando cadere in occasionali note dissonanti che si aggiungono al senso di disagio.

Quando tornano al suono del passato, come in “Renegade Hearts”, rimane un pieno di luci e ombre anche se la sensazione generale è più densa. Mentre la band serpeggia attraverso un ritmo minaccioso, le sei corde richiamano dall’interno come uccelli rapaci che volteggiano sopra e, ancora una volta, quella preoccupazione moderna che attraversa il lavoro, viene fuori chiaramente.

Se stai cercando un ritorno a ”…Bright Lights”, la tua ricerca è futile poiché i nostri in quel momento facevano parte di un momento parafulmine, uno che né loro né i loro coetanei ripeteranno mai. Accettandolo, hanno prodotto il loro LP più forte degli ultimi quindici anni, uno che cresce e si rivela di più ad ogni ascolto!!!