HONEYGLAZE – ‘Honeyglaze’ cover albumIl trio di South London, Honeyglaze – che è la cantante Anouska Sokolow, il bassista Tim Curtis e Yuri Shibuichi alla batteria – potrebbe non avere la magnificenza dei precedenti acquisti storici dell’etichetta Speedy Wunderground di Dan Carey, ma ascolta più attentamente il loro debutto e questo gruppo si rivela un outfit di sorprendente profondità. Accolto da Carey dopo una breve residenza a Windmill, i nostri si occupano di un indie-pop cupo e barocco che è vicino nello spirito a The Orielles o Cate Le Bon, e reso freddo e strano dall’eccellente e maestosa austerità popolare inglese di Sokolow. Mentre le tracce di apertura di questo disco tirano i pugni in termini di personalità – “Creative Jealousy” in particolare è deludente come ‘indie-by-number’ – questo è un album che premia gli ascolti ripetuti.

Cullato tra i mondi sonori confusi e impressionisti di “Start” e “Childish Things”, Honeyglaze crea momenti toccanti in tracce quali “Half Past” con scarsità strumentali stilizzate che lasciano il posto a un’ondata di suoni, tutti elementi che lavorano in tandem sotto una malinconia poeticamente strutturata nelle liriche. In linea con questo stile, “Creative Jealousy” è caratterizzato dal suo ritmo frastagliato e dai bassi diretti, compensati da voci morbide e strati aggiunti di sintetizzatore. ‘Tutti i miei amici sono così talentuosi, a volte mi arriva, non riesco a scrollarmi di dosso questa sensazione di inadeguatezza’, una frase a cui ogni creativo autocritico può fare eco con enfasi.

È presente un livello di vulnerabilità fornito con la certezza di essere compreso, una qualità che si vede ancora una volta nell’ultimo singolo dell’LP, “Female Lead”. Un pezzo narrativo che vede la protagonista tingersi i capelli per emanare la loro protagonista preferita, con risultati disastrosi. Che sia voluto o meno, il brano riesce ad esplorare alcuni temi femministi complessi, mentre rimbalza su un allegro ritmo di una canzone di ballo, unendosi ad artisti del calibro di Courtney Barnett nella sua eredità di creare rappresentazioni serie di momenti apparentemente semplici.

Sebbene alcuni brani siano strutturati in modo semplice, siamo tutti d’accordo sul fatto che a volte le cose più facili possono fornire i risultati più soddisfacenti. Descritto dalla band come ‘l’opposto di un concept album’, la produzione di Dan Carey funziona bene nel legare insieme le tracce, con echi e glitch sparsi attraverso le composizioni che creano nuovi livelli di profondità. Probabilmente vitale per un lavoro di debutto, “Honeyglaze” presenta una leggera sfida al genere e una pletora di possibili direzioni stilistiche. Ogni pezzo sembra molto scritto dalla formazione per sé stessa, insieme presentando un’accattivante esplorazione della scoperta e della verità che lascia all’ascoltatore una calda sensazione di essere ascoltato!!!