HATER – ‘Sincere’ cover albumNo, non il supergruppo grunge/garage rock dei primi anni ’90 di Seattle (che ha i suoi fan). Questi Hater sono un giovane quartetto svedese di Malmoe, specializzato in canzoni lunatiche, guidate dalla chitarra e dal semplice pedigree. Hater fornisce ulteriori prove del fatto che le distese ghiacciate del nord Europa ospitano alcune delle musiche più soddisfacenti e meritevoli del mondo indie-rock di oggi. L’industria cinematografica ha raggiunto un simile vicolo cieco snob. I film horror più spaventosi ora sono coreani; La Francia fornisce i migliori thriller/suspense da brivido. Nel frattempo, i più eccitanti poliziotti e criminali di oggi emergono da Hong Kong o dalla Cina continentale. Allo stesso modo, questi gruppi scandinavi raramente fanno il salto attraverso lo stagno dal punto di vista della popolarità, almeno è ciò che sembra. Cosa deve fare un fan con sede negli Stati Uniti? Allargare gli orizzonti e dare la caccia a questa roba meravigliosa, ecco cosa. Anche se nell’industria musicale potrebbero mancare i sottotitoli, la fortuna aiuta gli appassionati di lingua inglese perché gli artisti scandinavi preferiscono cantare in inglese.

Poche mosse sono più rischiose (o più interessanti) di un combo affermato che cambia marcia. Ma tali scommesse sono dove emerge la crescita creativa. L’LP di Hater del 2018, “Siesta” è stato uno sforzo molto più morbido, più lounge – e per il sottoscritto, a malapena ascoltabile. Il loro suono sembrava eccessivamente scarno e la voce di Caroline Landahl si è allontanata troppo dall’irritazione spigolosa e graffiante l’ultima volta. “Sincere” presenta un importante aggiornamento, con una sezione ritmica molto più muscolosa più due nuovi membri che aggiungono un po’ di vigore alla chitarra per animare il procedimento.

Anche le influenze di Hater sono migliorate. Invece di quelle voci dolci e troppo preziose (pensate a Björk) o dei fiati da salotto in stile Big Hogg, si possono sentire i Cure forte e chiaro nell’apertura “Something”. Il twang ossessionato della canzone e il back-beat trascinante ricordano materiale dell’era “Wish” del 1992 come “Open”, alimentando forzatamente ascoltatori avidi con la stessa insistenza automobilistica. Il mio preferito personale, “I’m Yours Baby”, presenta un ritornello senza fiato e che induce nostalgia e si conclude con un assolo stridente e culminante.

C’è anche una distinta vibrazione chitarristica CSN/Neil Young nella coda di “Summer Turns to Heartburn”, combinata con i sospiri spettrali di Landahl per formare la traccia più lunga del disco a 5:31. Ma oltre a queste altezze superiori, come evidenziato in “Brave Blood”, può anche oscillare in basso, abbracciando l’estremità inferiore del registro vocale mentre cavalca le creste ricorrenti della chitarra degli Stone Roses.

In effetti, tra i vari elementi che rafforzano “Sincere” al di sopra dell’ultimo disco di Hater c’è il livello di energia molto più concentrato attorno al cantante. Il disco è stato mixato e masterizzato da John Cornfield, i cui crediti includono Ride, gli Stone Roses e Robert Plant. Non c’è nessun difetto evidente in questo rilascio – solo una piccola lamentela, e bisogna scavare per trovarlo. Il ritornello del singolo dell’anno scorso, “Bad Luck”, contiene l’unica ricaduta di quello stile vocale irritante e ripetitivo di “Siesta”. Fortunatamente questo tedio sporge leggermente perché è l’unico esempio e certamente non un rompicapo.

Insomma, quei mascalzoni scandinavi l’hanno fatto di nuovo. Grandi capacità di miscelare atmosfere sognanti all’inquietudine delle liriche. Intensi e splendenti!!!