FAUST – ‘Punkt.’ cover albumDi tutte le bande cosmiche, Faust era il meno ‘Krautrock’ con la K maiuscola. Nella fase imperiale di tre anni, non c’è nessuna dell’efficienza teutonica percepita o della consapevolezza dei Kraftwerk; poco delle benigne tendenze new age di Tangerine Dream e Cluster e, sebbene condividessero caratteristiche ritmiche con i pionieri del motorik Can e Neu!, Faust ha sempre avuto un impulso dadaista a distruggere tutto ciò che potrebbe funzionare troppo liscio, tanto inveterati autosabotatori quanto innovatori sonori.

I Faust sono sempre stati i più strani degli strani, gli outsider, le pecore nere, completamente inclassificabili, un genere tutto loro. Tale singolarità e capriccio li ha resi un incubo per il mercato, quindi con il senno di poi, aveva perfettamente senso che Virgin pubblicasse “The Faust Tapes” a 48p nella speranza che i curiosi intenditori dell’etichetta potessero salire a bordo. E lo hanno fatto anche loro, a frotte, anche se i 60.000 album venduti non sono stati classificati poiché il BMRB ha avuto una visione debole di tale espediente che porta alla perdita. L’errore principale della Virgin è stato quello di credere di poter domare Faust prima che venissero a consegnare il successivo LP.

La storia dell’epoca è determinante per capirli a fondo – vivere nella loro scuola riconvertita a Wümme, dove hanno registrato due album sconvolgenti per la Polydor, e poi trasferirsi a The Manor nell’Oxfordshire, dove hanno pubblicato altri due lavori scioccanti per la Virgin – ma è sempre stata stato un quadro incompleto. I combattimenti e le risse fanno tutti parte della ricca telenovela di Faust, anche se forse la loro storia più grande è l’album che ‘è scappato’. Il mitico “Faust 5½” – ora chiamato “Punkt.” – è qui e completo per la prima volta, come la natura – o Hans-Joachim Irmler con mani e piedi sui fader nel 1974 – intendeva. 47 anni nascosti non hanno sminuito il suo potere.

Il leggendario quinto disco, registrato a Monaco, è intriso di miti e leggende, anche se la verità a volte è più strana della finzione. I Faust si erano lasciati dopo il fallimento al Manor nel 1973, quando il manager della band Uwe Nettlebeck aveva agito di nascosto e presentò la tracklist di “Faust IV” a Richard Branson. Irmler e il chitarrista Rudolf Sosna tornarono in Germania, furiosi per l’ingerenza di Nettlebeck, e Uwe abbandonò subito dopo. Alla fine, tutti e cinque i membri tornarono a casa e Irmler iniziò a sentire il bisogno di registrare un ultimo album con i suoi nemici. Contattò Giorgio Moroder, che non era ancora l’eminenza grigia dell’Eurodisco, sebbene avesse iniziato a lavorare con Donna Summer e avesse indirettamente scritto un record di successo per Chicory Tip. Il produttore italiano ha concesso a Faust un periodo di inattività ai Musicland Studios durante le ore in cui la Summer non stava registrando.

Dopo un numero esagerato di peripezie il nastro magnetico delle loro fughe sonore è finito in una scatola di cartone umida in un garage o in un carcere in Bassa Sassonia o Schleswig-Holstein, secondo il loro sintetizzatore/sassofonista, Gunther Wüsthoff. Frammenti e pezzi sono usciti dagli schemi e sono stati aggiunti alle compilation, messe insieme da Chris Cutler (“71 Minutes of…”; “BBC Sessions +”) degli Henry Cow che, insieme a Julian Cope, ha contribuito a mantenere debolmente il battito cardiaco di Faust ticchettando negli anni autunnali. Alcuni anni fa, è apparsa su Internet una presunta versione di “Faust 5½”, piena di esperimenti radiostatici e musicali concreti, sebbene poco si correli con “Punkt.”, a parte la traccia di apertura, e alcuni passaggi vagamente riconoscibili che sono stati mixati in modo così diverso che ora hanno poca somiglianza.

Per la cronaca, “Punkt.” si pronuncia ‘poonkt’ e significa ‘punto fermo’ in tedesco. Come band trilingue, funziona bene in inglese, con l’implicazione che questi hippy maligni erano in realtà proto-punk sotto mentite spoglie. “Punkt.” è stata l’idea dell’etichetta di Gunther Buskies, la Bureau B, che ha più senso di “5½”; Irmler lo chiamò così per significare un incontro di tutti gli album che lo hanno preceduto: “Faust” colloquialmente noto come chiaro, e gli astratti e volubili Faust Tapes vanno di pari passo, così come le canzoni più guidate di “So Far” e “Faust IV”.

Opera che miscela le parti più indigeste a quelle maggiormente comunicative del gruppo tedesco, meno appetibile del precedente “Faust IV”. Basta far riferimento all’apertura, “Morning Land”, una decina di minuti per una cavalcata ritmica su cui si dipanano tamburi arcaici e suoni dissonanti si scontrano attorno ad essi. Il momento più alto è toccato da “Knochentanz” un delirio di ritmi tribali, fiati free jazz, electronica corrosiva, chitarre e tastiere utopiste, esempio perfetto per spiegare ai novizi chi fossero i Faust.

Il resto vi consiglio di scoprirlo da soli, siete al cospetto di una musica senza precedenti per l’epoca, prodotta da uno dei più grandi gruppi che la storia musicale abbia partorito!!!