EMILY WELLS – ‘Regards To The End’ cover albumNon è mai un brutto momento per ascoltare la musica di Emily Wells. Non importa in che stato d’animo ti trovi, esiste una canzone per ogni sentimento. Gli accattivanti paesaggi sonori di Wells hanno la capacità di portare nel profondo di sé stessi, o addirittura hanno i mezzi catartici per liberarlo dalle rimuginazioni che costantemente attraversano la testa. Persistentemente, la voce di Emily fluttua sopra e intorno alla sua musica, senza mai sopraffarla, mai oscurata da essa.

Saldando un’impalcatura di musica da camera, pop e arte video, l’ultimo sforzo della compositrice e produttrice, ”Regards to the End”, riconosce la sua realtà di cittadina di un mondo in disfacimento. Su di esso, costruisce otto delle dieci tracce da strati in tempo reale di batteria, pianoforte, sintetizzatori, voce, strumenti a fiato e archi pieni di loop che sono sognanti ed eterei. Piene di compassione piuttosto che di giudizio, le sue ultime composizioni sono dedicate ad artisti e attivisti che forse hanno seminato il concetto del suo attuale disco. Concettualmente, la raccolta è un’odissea uditiva che esplora la crisi dell’AIDS, il cambiamento climatico e l’esperienza vissuta dalla nostra come musicista queer.

Tematicamente, i testi di Emily fanno eco al terrore nato dall’ignoranza. La fragilità della vita si riflette nelle scelte strumentali che impiega in tutto il lavoro di organo, violino, rullante e piatti. Prendi l’ottava traccia, “Arnie And Bill to the Rescue”, una canzone d’amore o un elogio a un’unione quasi perfetta di due artisti, amanti, collaboratori — Bill T Jones e Arnie Zane — decimati dalla crisi dell’AIDS nel 1988. Wells fa riferimento all’AIDS epidemica più di una volta nell’album, ma la sua menzione specifica di Jones e Zane fa risorgere il panico e la paura che le persone hanno sperimentato mentre i loro amici stavano morendo e come quelli una volta belli sono diventati intoccabili. L’introduzione dell’organo fa presagire il funerale, ma la canzone è deliziosa nella sua orchestrazione per sfuggire all’elegia.

L’orchestra ondeggia e volteggia con note rotolanti ed echeggianti che a volte indugiano, a volte scandiscono i suoi testi e il tempo. Segmenti del sintetizzatore rispecchiano stranamente la sua voce come se si esibisse in un tunnel della metropolitana. Ingredienti imprevedibili intrecciano le composizioni come un violino pizzicato rapidamente e un piatto leggermente picchiettato. “Regards to the End” esplode con la sua profonda conoscenza dell’arte visiva e parlata. Il suo coraggio e il suo virtuosismo sono le risorse dominanti come compositrice.

La prima traccia, “I’m Numbers”, conduce con un violino ad arco spettrale che si dissolve nel suo arrangiamento gradualmente complesso, dipingendo la sua composizione con raffiche di respiro, deboli percussioni tintinnanti e tastiere agili. Divergere dal suo stile poliedrico su due composizioni per pianoforte mostra la sua formazione classica. Il quinto pezzo, un brano per pianoforte, “David’s Got a Problem”, fa riferimento all’artista di New York, David Wojnarowicz, che ha temperato la sua rabbia piantando prati di fiori di campo in giro per la città. Morto a quarantuno anni di AIDS, la sua arte e il suo attivismo influenzano gran parte dell’LP. Il testo della traccia è ingannevolmente semplice, ‘ecco perché mi ami’ echeggia per gran parte della canzone insieme all’accompagnamento al pianoforte che è malinconico ma sognante.

Come i suoi album precedenti, Wells suggerisce piuttosto che predicare, fidandosi del suo pubblico per raccogliere i propri significati dai testi e guardarla dal vivo è un bagno sensoriale di suono e destrezza di movimento. Non devi sapere che il tema centrale di “Regards to the End” riguarda l’attivismo e la crisi dell’AIDS per interpolare il tuo significato dalla musica di Wells. Hai solo bisogno di ascoltare!!!