ELI PAPERBOY REED – ‘Down Every Road’ cover albumAlcuni potrebbero guardare con scetticismo all’idea del nuovo album di Eli Paperboy Reed. Può un giovane soulman interpretare in modo credibile il songbook di una delle più grandi icone del country e del western? Assolutamente!

Dopotutto, Ray Charles è famoso per questo con i due volumi di “Modern Sounds in Country & Western” (1962). Quegli album rivoluzionari, in cui Charles ha scavato la sua voce nella musica raramente affrontata da nessuno al di fuori di Nashville in quel momento, hanno chiarito che il confine tra C&W e soul era abbastanza sottile da essere offuscato da chi ha abbastanza talento. Eli Paperboy Reed si adatta a un conto del genere.

Anche se non è ovviamente Ray Charles (per essere onesti, chi lo è oggi?), le sei precedenti uscite di Reed lo mostrano come un cantante potente, robusto e soprattutto espressivo, ispirato dai grandi del genere che chiama ‘casa’. Eppure Eli è un fan di Haggard da anni; questo progetto di cover è stato messo in secondo piano fino dall’inizio della sua carriera. La pandemia ha alimentato quelle fiamme abbastanza da permettergli di rendersi conto che ora era il momento di fare il grande passo.

Il nostro scava in profondità nel lavoro di Hag, con almeno la metà di queste canzoni relativamente sconosciute a tutti tranne che ai fan seri. Anche se pezzi come l’apertura “Mama Tried” (un duro rifacimento in stile Stax/Otis Redding), la dolce “Silver Wings” (un groove slanciato di Solomon Burke a strati con un assolo di trombone a sorpresa) e la chiusura “Today I Started Loving You Again” (ora un duetto con la cantante Sabine McCalla) sono riconoscibili, la maggior parte sono più oscuri.

Reed fa il pieno di Wilson Pickett, aumentando il funk in una vivace “Break Every Heart”. Lo chiude con un ringhio tipico di Pickett, mentre trasforma la canzone dal suo originale autoironico in una proclamazione impettita di uno scopo. Porta “Teach Me to Forgot” nel territorio dei Muscle Shoals con i fiati che punteggiano il ritornello, prima di trasformare “One Sweet Hello” in un valzer ritmico su una relazione che è andata a male, con tutto il pathos che tali parole implicano; ‘Da un dolce saluto / ad un triste arrivederci’. La cupa, a tema festivo, “If We Make It Through December” avrebbe potuto essere scritta come una ballata soul se Haggard avesse ascoltato la versione malinconica di Reed, i fiati agrodolci su cui si fondano le parole ‘È il periodo più freddo dell’inverno’, mentre una voce femminile porta in Chiesa.

La musica di Eli emerge dall’aspro, rosso sporco sud in contrasto con qualsiasi cosa da Motown, Philly o Chicago, città famose per le loro scene soul spesso più morbide e pop. Rende le sue interpretazioni più rilevanti per i racconti duri di Haggard sull’uomo comune dal cuore spezzato e turbato, ancora orgoglioso, ma consapevole che le cose non miglioreranno. Tutto è sapientemente organizzato ed eseguito; La voce del nostro irrompe in questi frammenti di vita come se li avesse vissuti tutti. È prodotto con lo stesso tocco grezzo caratteristico della musica degli anni ’60 che informa la sua sensibilità artistica. L’unica frustrazione è che queste dozzine di tracce si interrompono a malapena mezz’ora.

Si spera che non dobbiamo aspettare un’altra pandemia per sentire un seguito: il ricco catalogo di Haggard è maturo per una reinterpretazione così interessante!!!