ELECTRIC EYE – ‘Horizons’ cover albumFormata nel 2012, la band ha pubblicato tre album in studio e due album live, sono un vero peana per i vostri vorticosi viaggi psichedelici lungo un percorso senza direzione, ma di enorme godimento.

Hanno girato la Scandinavia, il Medio Oriente, il Giappone, il Regno Unito, l’Europa e gli Stati Uniti. Non solo, sono stati in tournée con Michael Rother di NEU, Wire e Hawkwind, ma si sono esibiti in festival come South by Southwest (SXSW), The Great Escape, Roskilde ed Eurosonic per citarne alcuni.

L’ultima versione di Electric Eye, “Horizon”, registrata nell’estate del 2018, è una bella storia. Hanno registrato l’album, curiosamente, in una piccola isola, si sono ritirati in un posto chiamato Utsira. Si trova a 70 chilometri al largo della costa norvegese. Non solo, ma hanno provato tutto il giorno e la notte nel faro dell’isola dove le onde si infrangevano, mentre davano vita al loro nuovo suono. “Horizons” porta gli ascoltatori oltre gli ambiti orizzontali delle vibrazioni post-rock Acid-Prog, Psychedelic, Garage-Rock tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80.

“Lighthouse Rock” ha alcuni ritmi di batteria trip-hop killer e i suoni della figura tragica, Joe Meek, riuniti in uno. Con un sound di chitarra degli anni ’60, ti viene inaspettatamente addosso con suoni di onde di marea per l’organo per creare questi segnali in codice Morse. Puoi semplicemente chiudere gli occhi e immaginare di essere al faro per guardare Electric Eye mentre crea idee per il disco in questione.

Incanalando gli stili di Wooden Shjips e Voice of the Seven Woods, il quartetto ha svolto molto bene i compiti a casa. “En Bekymringsfri Koloni” ha alcune tastiere che suonano come gocce d’acqua all’interno di questa grotta buia prima che l’esercizio del tamburo rimbombante ti faccia pompare per un esercizio di Krav Maga. “Last Call at the Infinity Pool” ti conduce sulle montagne russe con funghi allucinogeni che ti vengono addosso alle 3 in punto. La voce suona come un poeta beat tra la fine degli anni ’50 e l’inizio degli anni ’60 con una struttura alla William Burroughs nei testi. Ha un sorprendente lavoro di tastiera, linee di chitarra in aumento, effetti vocali di riverbero e assoli pesanti e bollenti che vanno all’indietro insieme a linee ripetitive avanti e indietro con la possibilità di tornare a casa sulla Terra. È un approccio alla Steve Miller, su quei riff che ti farebbe venir voglia di tirar fuori “Fly Like an Eagle” dal tuo scaffale di dischi.

Ma è “The Sleeping Sharks” che ha questa colonna sonora per film B-Movie dalla metà alla fine degli anni ’60 nei cinema drive-in. Anche se sembra un film di Roger Corman, sono le trame ipnotiche all’italiana, sapendo che l’eroe si sta avvicinando alla risoluzione del caso con un finale brutale, mentre “Our Water Is On Fire” presenta Electric Eye che fa capolino agli arrangiamenti di “Lateralus” dei Tool.

Gli Electric Eye hanno portato molte strane idee che hanno scatenato all’interno del faro per “Horizons”. Forse è strano, ma amico, questi ragazzi sanno cosa diavolo stanno facendo. E possono fare un salto di qualità per lanciarsi nel cosmo a velocità sub-luce!!!