COREY HARRIS – ‘The Insurrection Blues’ cover album“Insurrection Blues” è il ventesimo album dell’artista blues Corey Harris, ma è il primo in oltre tre anni e il primo per l’etichetta MC. Harris è tornato alle radici del blues americano e ha portato alla luce brani tradizionali dell’Africa occidentale, riflettendo l’anno trascorso lì.

Prende i tradizionali su quattro dei quattordici brani, mentre altri provengono dai creatori Charlie Patton, Blind Blake e Skip James. Corey ne ha scritte quattro, inclusa la title track di cui parleremo a breve. Ha registrato principalmente da solo con la chitarra acustica in Italia durante il blocco della pandemia, nello stesso stile con cui ha iniziato come cantante di strada a New Orleans nei primi anni ’90. Lino Mudio contribuisce al mandolino in “When Did You Leave Earth” e Phil Wiggins si unisce all’armonica per “That Will Never Happen No More”.

Partendo dalla melodia tradizionale spesso associata al reverendo Gary Davis, “Twelve Gates of the City”, il nostro intreccia gospel, Delta blues e le radici di queste forme in un tour de force acustico degno della MacArthur Fellowship e del dottorato onorario in musica dal suo alma mater, Bates College nel Maine.

Brani come “Toubaka” e “Sunjata” sono puramente strumentali, e descrivono le sue abilità di finger picking e i ritmi che ha assorbito dal suo tempo trascorso in Africa occidentale, che esemplifica ulteriormente nella sua chitarra e voce “Mama Africa”, in cui infonde la voce con canti simili a trance. Lo segue con un arrangiamento di “Special Rider Blues” di Skip James, che mostra come le forme africane siano così strettamente collegate a questo stile del Mississippi, chiamato Bentonia blues, e poi cementando quella sorta di esibizione con l’africano “Sunjata”.

Dopo questo segmento, questo è un breve interludio con Harris che riproduce i brani sonori del 6 gennaio prima di consegnare la title track. Corey è uno dei due soli artisti di cui chi scrive è a conoscenza finora, che hanno cantato gli eventi dell’insurrezione; il cantante jazz Paul Jost (che ha appena pubblicato il suo incredibile “While You Were Gone”) è l’altro. Qui il nostro canta e pronuncia la melodia che ha sottotitolato “Chickens Come Home to Roost” in uno stile non dissimile dai generi africani che lo hanno preceduto. Commentando afferma: ‘…Come afroamericano che vive in America, come discendente degli schiavi che hanno costruito questo paese, sto osservando i meccanismi di sopravvivenza che sono esistiti affinché le persone perseverano nei momenti difficili. E quando ci pensiamo, viene sempre in mente il blues. Quando ho visto l’insurrezione, ho visto come razza e storia si sono scontrate lì. Ad esempio, il modo in cui la polizia del Campidoglio nero veniva aggredita fisicamente: il simbolismo era piuttosto pesante, soprattutto perché è stato un uomo di colore che ha salvato la vita di Mitt Romney (tra gli altri) ritardando l’ingresso degli aggressori’.

Dopo questo, l’atmosfera si alleggerisce con “Boats Up River” e “By and By” prima delle interpretazioni di due brani di Blind Blake – “You Gonna Quit Me Baby” e “That Will Never Happen No More”, con il suo strumentale “Afton Mountain Blues” con Phil Wiggins in mezzo. È quasi come se il secondo brano di Blake fosse una risposta sarcastica alla title track.

L’album si conclude con la sua “Scottsville Breakdown”, uno strumentale vivacemente selezionato, arricchito da voci ronzanti e senza parole, lasciandoci su una nota ottimista. Come dice sul suo sito web, “Insurrection Blues” è un’ulteriore prova che Corey Harris ha un piede nella tradizione e l’altro nei temi contemporanei. È importante avere una voce attivista sposata con queste forme tradizionali. Simbolicamente ricorda che, purtroppo, per gli oppressi la lotta continua attraverso diverse generazioni. Il passato è molto presente!!!